benessere

La psicologia del “dèjà vu”.

 

Tutti noi abbiamo sperimentato di essere in un posto nuovo e di avere la certezza di esserci già stati.

Questo sentimento misterioso, comunemente noto come déjà vu, si verifica quando sentiamo che una nuova situazione è familiare, anche se ci sono prove che la situazione non avrebbe potuto verificarsi in precedenza.

Per molto tempo, questa sensazione inquietante è stata attribuita a tutto, dai disturbi paranormali ai disturbi neurologici.

Tuttavia, negli ultimi anni, quando un numero crescente di scienziati ha iniziato a studiare questo fenomeno, sono emerse una serie di teorie sul déjà vu, suggerendo che non è semplicemente un difetto nel sistema di memoria del nostro cervello.

Un nuovo rapporto della psicologa Anne M. Cleary della Colorado State University, pubblicato su Current Directions in Psychological Science, una rivista dell’Associazione per le scienze psicologiche, descrive le recenti scoperte sul déjà vu, incluse le molte somiglianze esistenti tra déjà vu e la nostra comprensione della memoria del riconoscimento degli umani.

La memoria di riconoscimento è il tipo di memoria che ci consente di renderci conto che ciò che stiamo attualmente vivendo è già stato sperimentato prima, come quando riconosciamo un amico per strada o ascoltiamo una canzone familiare alla radio.

Il cervello fluttua tra due diversi tipi di memoria di riconoscimento: ricordo e familiarità. Il riconoscimento basato sul ricordo si verifica quando possiamo individuare un’istanza quando in precedenza si è verificata una situazione attuale.

Ad esempio, vedere un uomo familiare in un negozio e rendersi conto che lo abbiamo già visto sull’autobus. D’altra parte, il riconoscimento basato sulla familiarità si verifica quando la nostra situazione attuale sembra familiare, ma non ricordiamo quando è successo prima.

Ad esempio, vediamo quell’uomo familiare nel negozio, ma non riusciamo a ricordare da dove lo conosciamo. Si ritiene che Déjà vu sia un esempio di riconoscimento basato sulla familiarità: durante il déjà vu, siamo convinti di riconoscere la situazione, ma non siamo sicuri del perché.

Cleary ha condotto esperimenti per testare il riconoscimento basato sulla familiarità in cui ai partecipanti è stato dato un elenco di nomi di celebrità.

Più tardi, è stata mostrata una raccolta di fotografie di celebrità; alcune fotografie corrispondevano ai nomi nell’elenco, altre no.

Ai volontari è stato detto di identificare le celebrità nelle fotografie e indicare la probabilità che i nomi delle celebrità fossero nell’elenco che avevano visto in precedenza.

 I risultati sono stati sorprendenti. Anche quando i volontari non sono stati in grado di identificare una celebrità per foto, avevano la sensazione di quali nomi avevano studiato in precedenza e quali no.

Cioè, non sono stati in grado di identificare la fonte della loro familiarità con la celebrità, ma sapevano che la celebrità gli era familiare.

Cleary ha ripetuto l’esperimento sostituendo luoghi famosi (come Stonehenge e Taj Majal) con celebrità e ha ottenuto risultati simili.

Questi risultati indicano che i partecipanti hanno archiviato un po ‘di memoria, ma erano confusi, quindi non erano in grado di collegarlo alla nuova esperienza.

Cleary ha anche condotto esperimenti per capire quali caratteristiche o elementi di situazioni potrebbero scatenare sentimenti di familiarità.

Aveva invitato i partecipanti a studiare un elenco casuale di parole. Durante un test di riconoscimento delle parole, alcune delle parole del test assomigliavano alle parole precedenti, anche se solo nel suono , ma i volontari hanno riferito un senso di familiarità per le nuove parole, anche quando non riuscivano a ricordare le parole presentate in precedenza, dal suono simile, che erano la fonte di questa familiarità.

Questi risultati supportano l’idea che eventi ed episodi che sperimentiamo siano memorizzati nella nostra memoria come singoli elementi o frammenti di quell’evento.

Il déjà vu può verificarsi quando aspetti specifici di una situazione attuale assomigliano a determinati aspetti di situazioni precedenti; se c’è molta sovrapposizione tra gli elementi della nuova e vecchia situazione, si ottiene un forte sentimento di familiarità.

“Esistono molti parallelismi tra le spiegazioni del déjà vu e le teorie della memoria del riconoscimento umano”, conclude Cleary, “Le teorie del riconoscimento basato sulla familiarità e i metodi di laboratorio utilizzati per studiarlo possono essere particolarmente utili per chiarire i processi alla base delle esperienze di déjà vu”.

Qui la fonte originale :   https://medicalxpress.com/

Please follow and like us: