Dott.ssa Marina Arrivas

Psicologa per italiani all’estero

Che cos’é la scrittura terapeutica

da | Feb 3, 2020 | emozioni

scrittura terapeutica

La scrittura terapeutica ci consente  di focalizzare i nostri pensieri, dubbi, desideri, obiettivi, piani.

Attraverso la scrittura terapeutica possiamo  liberare le nostre emozioni, gestirle e comprenderle al meglio.

Ci sono molti psicologi che usano la scrittura terapeutica come attività intersessionale. Questo strumento ci consente di sviluppare e liberarci. Comprendiamo meglio le nostre emozioni e possiamo scrivere tutto ciò che ci passa per la testa.

Ngli anni ’60 lo psicologo statunitense Ira Progoff mise a punto per la prima volta il Metodo del Diario Intensivo, che si basava proprio sullo scrivere un diario.

Da allora sono stati condotti numerosi studi che hanno confermato l’utilità della scrittura terapeutica.

Obiettivi della scrittura terapeutica

Sebbene non tutte le persone abbiano la capacità di scrivere fluentemente, ciò non impedisce loro di provare i benefici derivanti da quest’attività terapeutica.

Nella scrittura terapeutica non sono importanti le abilità letterarie quanto il risultato psicologico della scrittura.

Essa mira ad esprimere silenziosamente tutto ciò che è difficile dire a voce. Aiuta a fare ordine nella propria testa. E’ particolarmente indicata per le persone introverse che faticano ad esternare  i loro pensieri ed emozioni.

Obiettivi come il perdono o l’accettazione possono essere raggiunti attraverso carta e penna.

Inoltre, non è sempre necessario che ciò che si scrive venga letto da altre persone. Il semplice atto di esprimere, di lasciar fluire tutto è già liberatorio.

Scrivere è utile nell’ansia, quando è presente un sovraccarico emotivo. Ma anche nella depressione, nell’elaborazione di un lutto o in presenza di rancore, tristezza,rabbia o di  una bassa autostima.

I risultati più sorprendenti compaiano nello stress post-traumatico. La persona deve raccontare cosa è successo. Ma molte volte la paura o il senso di colpa irrazionale gli impedisce di farlo di fronte a un terapeuta. In questi casi, è importante ricorrere alla scrittura terapeutica come strategia complementare alla terapia.

La scrittura si rivela essere uno strumento potente anche quando decidiamo di scrivere per perdonare.

Prendiamo un foglio e spieghiamo cosa è successo, cosa abbiamo provato in quel momento e cosa proviamo ora. Esprimiamo anche parole relative alla liberazione e al perdono. In questo modo, possiamo lasciar andare, lasciare andare l’altro e il problema.

Scrittura terapeutica: esercizi per cominciare a scrivere

Per iniziare, basta munirsi di una penna e un foglio di carta. Posizioniamoci in un luogo in cui ci sentiamo rilassati e a nostro agio, possibilmente lontano da rumori e da distrazioni. Se preferiamo, possiamo aggiungere un tocco di musica  per armonizzare l’atmosfera. Assicuriamoci di essere soli e di non essere interrotti durante la scrittura.

Diario delle cose positive

L’abitudine di tenere un diario durante l’adolescenza o la giovinezza é molto frequente, sopratutto tra le ragazze. Solitamente  vengono trascritte esperienze vissute,pensieri, progetti, sogni.

Nell’ambito della scrittura terapeutica il diario può servire ,per esempio,a registrare 3 cose positive successe durante la giornata. Non é un compito impossibile: é sufficiente sforzarsi di focalizzare l’attenzione su quelle cose positive che ci accadono durante il giorno ma alle quali non diamo importanza,spesso troppo presi a guardare solo quelle negative.

Riordinare le idee

Prendere carta e penna e scrivere a ruota libera, senza preoccuparsi troppo di ciò che si scrive. Questa attività andrebbe fatta regolarmente, ogni giorno per 20-30 minuti.  E’ molto utile per conoscersi meglio e far luce su parti di sè poco familiari.

Lo sfogo

E’ un’attività molto utile quando qualcuno o qualcosa ci fa stare male. Immaginiamo di scrivere  al motivo del nostro scontento (sia esso una persona, ma anche una situazione). Possiamo esprimere domande, dubbi, emozioni quali paura rabbia e dolore.

Al termine dello sfogo, possiamo decidere di conservare la lettera o bruciarla. Anche se la fonte del nostro malessere é una persona non é detto che vogliamo fargli leggere quanto abbiamo scritto.

Scrivere i nostri obiettivi e i nostri sogni

Possiamo usare la scrittura per definire i nostri obiettivi, per descrivere i nostri sogni. Possiamo specificare dei sotto-obiettivi per il raggiungimento dell’obiettivo finale, magari stabilendo anche dei tempi entro i quali presumibilmente vorremmo raggiungere la meta che desideriamo. Con la scrittura possiamo motivarci e spronarci alla ealizzazione dei nostri desideri.

E tu, hai già iniziato ad usare la scrittura terapeutica?

Qui la fonte originale  https://angelrull.com/inteligencia-emocional-escritura-terapeutica-estres-postraumatico/

Archivi

Settembre: 2020
LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Andare a vivere all’estero: lo shock culturale, che cos’é e come superarlo

Shock culturale é il termine che l’antropologo canadese Kalervo Oberg diede al malessere che può sopraggiungere in  coloro che, per varie ragioni, decidono di andare a vivere all’estero. Secondo questo studioso lo stato di shock culturale sopraggiunge quando si...

Come superare un colloquio di lavoro all’estero

Per superare un colloquio di lavoro all'estero sono certamente importanti il CV, la competenza e l'esperienza specifica. Tuttavia effettuare un colloquio di lavoro in una lingua straniera non è come effettuarlo nella lingua madre. Questo comporterà quasi sicuramente...

Come trovare amici all’estero

Hai deciso di trasferirti oppure ti sei trasferito da poco tempo e ti chiedi se riuscirai a trovare amici all’estero? Decidere di partire per un nuovo paese non è facile per molte ragioni e una di queste è proprio il doversi separare da tutti gli amici che conosciamo...

Come migliorare il tuo benessere

Quando parliamo della nostra salute mentale, stiamo parlando di molto più di una diagnosi clinica. La tua salute mentale si riferisce anche al tuo benessere psicologico. Avere un sano benessere psicologico significa che sei in grado di gestire meglio le tue emozioni e...

Veri amici: come farseli facilmente e rafforzare quelli che hai

Diamo i veri amici per scontati. L'amicizia è una buona cosa. Non è certo una notizia da prima pagina, ma in qualche modo tutti dimentichiamo quanto sia importante. Quando creiamo la nostra famiglia trascuriamo gli amici. Non ci impegniamo a fare nuove amicizie...

Autocompassione, che cos’é e come migliorarla

Le persone che ottengono punteggi più alti nell'autocompassione tendono a sperimentare meno ansia e depressione, maggiore motivazione, più ottimismo, maggiore felicità e maggiore soddisfazione nella vita. Immagina che un tuo buon amico sia seduto di fronte a te. È sul...

Insicurezza, come superarla

L'insicurezza modella in modo schiacciante la nostra immagine e influenza il nostro comportamento. Siamo chiamati una generazione narcisistica. Ci viene detto che la tecnologia e i social media ci stanno dando un senso gonfiato di noi stessi. Ma la maggior parte delle...

Depressione stagionale : che cos’é e come superarla

Milioni di persone soffrono di depressione stagionale sia in estate che in inverno, e le prove indicano che la stagione di nascita gioca un ruolo in chi sviluppa il disturbo. Alcune persone potrebbero sorprendersi nell’apprendere che anche l'estate può causare...

Fobia sociale : quando la timidezza supera i limiti

Molte persone soffrono di fobia sociale, ma non tutti sanno che può essere curata. A causa del disagio così presente e costante per tutta la vita, finiscono per associare i sintomi della fobia a un tratto di personalità. Questo rende difficile la ricerca di un...

Il padre nello sviluppo del bambino

La relazione madre-figlia è stata evidenziata per decenni al fine di spiegare un certo numero di disturbi, ansie e disfunzioni. E i padri? Che ruolo svolgono nello sviluppo e nel futuro dei loro figli? Non menzionandoli, finiremmo quasi per credere che le loro azioni,...

Come posso aiutarti?