Dott.ssa Marina Arrivas

Psicologa per italiani all’estero

Insicurezza, come superarla

da | Ago 10, 2020 | crescita personale

L’insicurezza modella in modo schiacciante la nostra immagine e influenza il nostro comportamento.

Siamo chiamati una generazione narcisistica.

Ci viene detto che la tecnologia e i social media ci stanno dando un senso gonfiato di noi stessi.

Ma la maggior parte delle persone non va in giro con la sensazione di essere eccezionale.

Se tu potessi entrare nelle menti delle persone intorno a te, anche quelle narcisistiche, probabilmente incontreresti incessanti ondate di insicurezza.

Che la nostra autostima sia alta o bassa, una cosa è chiara; siamo una generazione che confronta, valuta e giudica noi stessi con grande attenzione.

Comprendendo da dove nasce questa insicurezza, perché siamo spinti a sminuirci e come questo punto di vista ci influenza, possiamo iniziare a sfidare e superare il critico interiore distruttivo che limita le nostre vite.

Cosa causa l’insicurezza?

C’è un dialogo interno che accompagna i nostri sentimenti di insicurezza.

Questa è chiamata la “voce interiore critica“.

Questa voce è formata da esperienze dolorose della prima infanzia in cui abbiamo assistito o sperimentato atteggiamenti dolorosi nei nostri riguardi.

Crescendo, adottiamo e integriamo inconsciamente questo modello di pensieri distruttivi verso noi stessi e gli altri.

s

Le esperienze che abbiamo con i nostri genitori possono essere alla base della nostra insicurezza da adulti.

Immagina che un genitore urli al proprio bambino : ” Combini solo guai! “, oppure :” Sei proprio uno stupido! “

L’assenza di un genitore può lasciare i bambini insicuri e credere che ci sia qualcosa di fondamentalmente sbagliato in loro.

Un genitore invadente può indurre i bambini a diventare introversi o autosufficienti in modi che li fanno sentire insicuri o li inducono a non fidarsi degli altri.

Gli studi hanno dimostrato che anche le lodi esagerate possono essere dannose per l’autostima di un bambino.

La ragione di ciò è che i bambini devono sentirsi visti per quello che sono per crescere sicuri.

Molti dei nostri problemi con l’insicurezza possono derivare dal nostro stile di attaccamento precoce.

La chiave di un sano attaccamento è in quattro parole: sentirsi al sicuro, guardato, calmato e protetto.

Sia che i bambini vengano fatti vergognati oppure elogiati, molto probabilmente non si sentono visti dal genitore per quello che sono realmente.

Possono iniziare a provare insicurezza e perdere il senso delle loro reali capacità.

Un atteggiamento sano da mantenere per i genitori è vedere se stessi e i loro figli in modo realistico e trattarli con accettazione e compassione.

Il modo migliore con cui un genitore può sostenere i propri figli è quello di consentire loro di trovare uno scopo unico per loro – qualcosa che li illumini e per il quale lavoreranno per raggiungerlo.

Questa attività deve attirare l’interesse del bambino, non solo dei genitori.

Dato che il bambino persegue qualunque interesse lo renda “vivo”, il genitore dovrebbe offrire supporto e riconoscimento per lo sforzo richiesto invece di concentrarsi troppo sul risultato.

È chiaro che ci sono molte cose che modellano la nostra voce interiore critica, dagli atteggiamenti negativi diretti verso di noi agli atteggiamenti che i nostri genitori avevano verso se stessi.

Man mano che cresciamo, interiorizziamo questi punti di vista come nostri.

Manteniamo vivi questi atteggiamenti credendo nelle nostre insicurezze mentre procediamo nella vita.

Le voci interne critiche più comuni, che le persone possono sperimentare durante la giornata includono:

  • Sei stupido.
  • Sei poco attraente.
  • Non ottieni mai niente di buono.
  • Non sei come le altre persone.
  • Sei un fallimento.
  • Sei grasso.
  • Sei un tale perdente.
  • Non farai mai amicizia.
  • Nessuno ti amerà mai.
  • Non sarai mai in grado di smettere di bere (fumo ecc.).
  • Non realizzerai mai nulla.

Come un allenatore mediocre, questa voce tende a diventare più forte man mano che ci avviciniamo ai nostri obiettivi.

Spesso, reagiamo a questi pensieri prima ancora di renderci conto che li stiamo avendo.

Potremmo diventare timidi a una festa, ritirarci da una relazione, proiettare questi attacchi sulle persone che ci circondano o agire contro un amico, un partner o i nostri figli.

Immagina come sarebbe la vita se non sentissi nessuno di questi pensieri meschini che ti risuonano nella testa.

Immagina come potrebbe essere la realtà se potessi vivere libero da questa insicurezza prescritta.

Insicurezza sul lavoro

L’insicurezza può influenzarci in innumerevoli aree della nostra vita.

Ogni persona noterà che il suo critico interiore è più presente in un’area o nell’altra.

Ad esempio, potresti sentirti abbastanza sicuro sul lavoro ma completamente perso nella tua vita amorosa o viceversa.

Si può anche notare che quando un’area migliora, l’altra si deteriora.

Alcune voci interne critiche comuni sulla propria carriera includono:

  • Non sai cosa stai facendo.
  • Chi ti credi di essere?
  • Non avrai mai successo.
  • Sei troppo sotto pressione.
  • Non puoi prenderlo.
  • Non ce la farai mai a fare tutto da solo.
  • Sei così pigro.
  • Dovresti rimandare a domani.
  • Nessuno ti apprezza.
  • Faresti meglio ad essere perfetto, o verrai licenziato.
  • Qui non piaci a nessuno.
  • Metti la tua carriera al primo posto.
  • Non perdere tempo per te stesso.
  • Non avrai mai un vero lavoro.
  • Nessuno ti assumerebbe.

Insicurezza nelle relazioni

Sia che siamo single, che frequentiamo qualcuno o che abbiamo una relazione seria a lungo termine, ci sono molti modi in cui la nostra voce interiore critica può insinuarsi nelle nostre vite romantiche.

Le relazioni, in particolare, possono suscitare ferite ed esperienze passate.

Possono risvegliare insicurezze da lungo tempo sepolte e suscitare emozioni che non ci aspettiamo.

Inoltre, molti di noi nutrono paure inconsce di intimità.

Essere vicini a qualcun altro può scuoterci ed avvicinare queste emozioni e le voci interiori critiche in superficie.

Ascoltare questo critico interiore può danneggiare seriamente le nostre relazioni interpersonali.

Può farci sentire disperati verso il nostro partner o farci ritirare quando le cose iniziano a diventare serie.

Può esagerare i sentimenti di gelosia o possessività o farci sentire respinti e indegni.

Le voci interne critiche comuni che abbiamo verso noi stessi riguardo alle relazioni includono:

  • Non troverai mai un’altra persona che ti capisca.
  • Devi avere il controllo
  • Non gli importa davvero di te.
  • Lei è troppo buona per te.
  • Devi tenerlo interessato.
  • Non essere troppo preso da lei
  • Stai meglio da solo.
  • Non appena ti conoscerà, ti rifiuterà.
  • È colpa tua se si arrabbia.
  • Non essere troppo vulnerabile o finirai solo per farti male.

Come posso superare l’insicurezza?

Una volta che abbiamo una migliore percezione della nostra insicurezza e della profonda influenza che sta avendo sulla nostra vita, possiamo iniziare a sfidarla.

Questo processo non sarà facile.

Con il cambiamento arriva sempre l’ansia.

Queste difese e voci interiori critiche sono state con te per tutta la vita e possono essere difficili da sfidare.

Quando cambi, aspettati che le voci diventino più forti.

Le tue insicurezze probabilmente non svaniranno dall’oggi al domani, ma lentamente, attraverso la perseveranza, inizieranno a indebolirsi.

Ogni volta che noti un attacco, resistiti e non obbedire alle sue direttive. Se vuoi avvicinarti al tuo partner, non ascoltare quando ti dice di trattenere il tuo sentimento.

Mentre sudi attraverso questa transizione difficile ma molto degna, è importante praticare l’autocompassione.

L’autocompassione incoraggia un atteggiamento di gentilezza e pazienza verso sè stessi.

L’autocompassione ci chiede di rallentare e sentire di valere semplicemente per il fatto di esistere.

Una volta che ci rendiamo conto della nostra forza e importanza, una volta che vediamo i modi in cui siamo stati feriti e possiamo sentirci a livello profondo, possiamo effettivamente iniziare a liberarci dalle catene che ci trattengono.

Possiamo eliminare le insicurezze del nostro passato e diventare finalmente le persone che vogliamo essere.

Fonte : https://www.psychalive.org

 

Archivi

Ottobre: 2020
LMMGVSD
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tornare in Italia dopo aver vissuto all’estero: lo shock culturale inverso.

Tornare in Italia dopo aver vissuto all'estero può comportare  una fase di ri-adattamento alla cultura d'origine. Forse quando ti sei trasferito non avresti mai pensato di rientrare in Italia. Ma all'estero non sei più felice, anche se non riesci a comprendere cos'é...

Adattarsi alla vita all’estero: superare lo stress dell’expat

Non é sempre facile adattarsi alla vita all'estero: bisogna imparare ad affrontare e superare lo stress conseguente all'espatrio in un nuovo paese. Lo stress è una normale reazione di adattamento del nostro organismo di fronte a un cambiamento. Secondo la definizione...

Perchè le persone temono l’intimità?

Essere scelti da qualcuno a cui teniamo veramente e provare sentimenti amorevoli può spesso suscitare profonde paure di intimità e rendere difficile mantenere una relazione significativa. Che cos'è la paura dell'intimità? La paura dell'intimità è una paura spesso...

Andare a vivere all’estero: lo shock culturale, che cos’é e come superarlo

Shock culturale é il termine che l’antropologo canadese Kalervo Oberg diede al malessere che può sopraggiungere in  coloro che, per varie ragioni, decidono di andare a vivere all’estero. Secondo questo studioso lo stato di shock culturale sopraggiunge quando si vien...

Come superare un colloquio di lavoro all’estero

Per superare un colloquio di lavoro all'estero sono certamente importanti il CV, la competenza e l'esperienza specifica. Tuttavia effettuare un colloquio di lavoro in una lingua straniera non è come effettuarlo nella lingua madre. Questo comporterà quasi sicuramente...

Come trovare amici all’estero

Hai deciso di trasferirti oppure ti sei trasferito da poco tempo e ti chiedi se riuscirai a trovare amici all’estero? Decidere di partire per un nuovo paese non è facile per molte ragioni e una di queste è proprio il doversi separare da tutti gli amici che conosciamo...

Come migliorare il tuo benessere

La tua salute mentale si riferisce anche al tuo benessere psicologico. Avere un sano benessere psicologico significa che sei in grado di gestire meglio le tue emozioni e il tuo umore. Ogni giorno presenta le sue sfide uniche e uno stato mentale sano può aiutarti ad...

Veri amici: come farseli facilmente e rafforzare quelli che hai

Diamo i veri amici per scontati. L'amicizia è una buona cosa. Non è certo una notizia da prima pagina, ma in qualche modo tutti dimentichiamo quanto sia importante. Quando creiamo la nostra famiglia trascuriamo gli amici. Non ci impegniamo a fare nuove amicizie...

Autocompassione, che cos’é e come migliorarla

Le persone che ottengono punteggi più alti nell'autocompassione tendono a sperimentare meno ansia e depressione, maggiore motivazione, più ottimismo, maggiore felicità e maggiore soddisfazione nella vita. Immagina che un tuo buon amico sia seduto di fronte a te. È sul...

Insicurezza, come superarla

L'insicurezza modella in modo schiacciante la nostra immagine e influenza il nostro comportamento. Siamo chiamati una generazione narcisistica. Ci viene detto che la tecnologia e i social media ci stanno dando un senso gonfiato di noi stessi. Ma la maggior parte delle...

Come posso aiutarti?