Dott.ssa Marina Arrivas

Psicologa per italiani all’estero

La resilienza: che cos’è e come migliorarla.

da | Apr 22, 2019 | crescita personale

La resilienza è la capacità di riprendersi dalle difficoltà, dalle avversità, dalla sofferenza. Non solo resistendo in maniera passiva, ma progettando attivamente il futuro.

Negli ultimi anni, la scienza della resilienza ha lentamente fornito alcune risposte alle domande sul perché e come alcune persone siano in grado di superare tremende avversità e andare avanti con le loro vite mentre altre sembrano essere così danneggiate dai loro traumi da rimanere bloccate.

Resilienza e fattori di protezione

Secondo il National Scientific Council on the Developing Child, un’organizzazione con sede presso l’Università di Harvard, una revisione dei risultati dei vari studi sulla resilienza suggerisce che un fattore in particolare faccia la differenza tra un bambino che persevera nonostante abbia subito un trauma significativo rispetto a un bambino che finisce per essere paralizzato in parte dalle ferite emotive: una relazione stabile con almeno un adulto impegnato nel suo benessere.

Sembra che quando altri fattori vengono presi in considerazione – intelligenza, livello di istruzione, opportunità economiche, ecc., ciò che fa davvero la differenza è avere almeno una persona stabile nella vita che conosci veramente, a cui tieni e che si impegna per il tuo benessere.

Sembra che siamo più inclini a prosperare quando possiamo credere nei nostri cuori che almeno un’altra persona sul pianeta vuole sinceramente che anche noi prosperiamo.

Che cos’é la resilienza?

Il concetto di resilienza si trova in vari ambiti: ad esempio in fisica si definisce resilienza la proprietà che hanno i materiali di deformarsi ma di non spezzarsi; in biologia, la capacità di un tessuto di auto-ripararsi.

In psicologia, è la capacità di prendere atto di ciò che sta accadendo, senza lasciarsi travolgere. Se una situazione non può essere cambiata, è bene prepararsi a gestirla, nel rispetto dei propri valori e quindi di sè stessi, lasciando da parte gli “avrei potuto” e gli “avrei dovuto”.

La resilienza è un’abilità in parte influenzata da fattori biologico/genetici e in parte legata alle vicende di vita familiari e relazionali.

Fattori di rischio

La ricerca sui “fattori di rischio” (che promuovono una scarsa resilienza) ha evidenziato elementi quali: bassa autostima, attaccamento insicuro con le figure parentali, aspettative irrealistiche nei confronti di se stessi, difficoltà nello stabilire relazioni sociali, elevato livello di aggressività ed impulsività, abusi, forti dissidi familiari, mancanza di supporto.

Fattori di protezione

Le ricerche sui “fattori di protezione” (elementi che facilitano lo sviluppo di resilienza) ha identificato: buon temperamento nelle relazioni sociali, pensiero creativo, umorismo, sostegno affettivo, capacità di porsi obiettivi realizzabili, coinvolgimento in attività prosociali, buon legame con la famiglia.

Come diventare resilienti?

Ulteriori studi hanno comunque confermato l’ipotesi che resilienti si può diventare.

Come? 

Andando a modificare alcuni dei precedenti punti “di rischio” esposti.

Creare e mantenere una rete di relazioni affettive diversificate che sappia sostenere la persona nei momenti di difficoltà, infondendo coraggio e rassicurazione;

Cercare di strutturare un progetto di vita, essere motivati al conseguimento di obiettivi realistici. Compiere ogni giorno qualcosa che sempre più avvicini a quanto prefissato.

Avere immaginazione ed interessi;

Rafforzare la propria autostima e la fiducia sul controllo della propria vita. Pensare di poter esercitare un’influenza sull’ambiente e sugli avvenimenti esterni .Non vedersi come vittime di un destino avverso, ma come individui capaci di ribaltare la situazione;

Saper scorgere in ogni difficoltà delle alternative.

Tutto ciò comporta la capacità di uscire dalla “confort zone” all’interno della quale si crede che nulla di brutto potrà mai accadere. Entrare invece nell’ottica che il dolore e la sofferenza possano essere superati, traendo profitto dalla ferita che hanno lasciato.

E tu cosa pensi della resilienza? Quanto la ritieni importante per la tua vita?

Se lo desideri condividi qui sotto la tua esperienza.

 

Qui la fonte originale :  https://counsellingresource.com/features/2015/09/28/resilience-overcome-adversity/

Archivi

Ottobre: 2021
LMMGVSD
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stress da trasloco,come superarlo

Stress da trasloco: il trasloco all'estero influisce sul benessere personale degli individui; può influenzare le relazioni con la famiglia e gli amici in molti modi. Lo stress da traslochi multipli può arrivare ad influenzare in modo negativo lo stato di salute...

Farsi nuovi amici all’estero e mantenerli

Se è difficile farsi nuovi amici all’estero, è altrettanto importante sapere come fare a mantenere le amicizie nel tempo.  Sostenere le amicizie richiede una serie di abilità. E’ anche vero che ci sono momenti in cui dovresti considerare di porre fine ad alcune...

Tornare a vivere in Italia

Tornare a vivere in Italia: perchè é così difficile riadattarsi? La maggior parte degli espatriati sa che per adattarsi a vivere all'estero occorre un po' di tempo e si prepara di conseguenza. Tuttavia la maggior parte di essi non è a conoscenza dell’esistenza dello...

Solitudine all’estero

Solitudine all’estero: l’amicizia è molto simile al cibo. Ne abbiamo bisogno per sopravvivere. Gli esseri umani hanno un bisogno fondamentale di inclusione nella vita di gruppo e di relazioni strette. Quando si decide di trasferirsi all’estero, si perde la rete di...

Trasferirsi all’estero, vincere la timidezza

Trasferirsi all’estero: la timidezza può essere un serio ostacolo al processo di adattamento nel nuovo paese. Interagire con altre persone mette a disagio la maggior parte, se non tutti noi. Anche le persone più socievoli e sicure di sé rimangono consapevoli e...

Vivere lontano dalla propria terra

Anche quando il trasferimento all’estero è voluto e programmato, non sempre si è pronti a vivere lontano dalla propria terra. Andare a vivere all’estero è una scelta abbastanza impegnativa; una nuova lingua, un nuovo stile di vita, la ricerca del lavoro e di una nuova...

Paura di vivere all’estero: come affrontarla

La paura di vivere all’estero è più frequente di quanto tu possa immaginare. Quali sono le principali paure che impediscono di vivere all’estero e come superarle? Paura di vivere all’estero: la barriera linguistica Una delle sfide più difficili a cui ci sottoponiamo...

Espatriare o restare in Italia

Espatriare o restare in Italia? Come decidere senza farsi influenzare dai bias cognitivi. Quando una persona comincia a pensare se espatriare o meno, inizia con il chiedersi se stia facendo la scelta giusta. Il percorso che porta a decisioni così importanti per la...

Paura di volare,come vincerla

Paura di volare: non è necessario viaggiare solo su strada se temi gli aeroplani. Per alcuni una vacanza imminente o anche un viaggio d'affari non è una prospettiva felice. Significa un volo in aereo e alcune persone tremano interiormente al solo pensiero di salirci...

Ansia da vaccino,come nasce

Ansia da vaccino: la posizione no-vax o l’esitazione a vaccinarsi sono altamente problematici quando si tenta di ottenere l'immunità di gregge contro il Coronavirus. E’ pertanto importante comprendere i modi in cui potremmo sovrastimare i rischi quando si prende in...

Come posso aiutarti?