Dott.ssa Marina Arrivas

Psicologa per italiani all’estero

Autocompassione, che cos’é e come migliorarla

da | Ago 17, 2020 | benessere e salute

Le persone che ottengono punteggi più alti nell’autocompassione tendono a sperimentare meno ansia e depressione, maggiore motivazione, più ottimismo, maggiore felicità e maggiore soddisfazione nella vita.

Immagina che un tuo buon amico sia seduto di fronte a te. È sul punto di piangere perché oggi è stato licenziato dal suo lavoro. Molto probabilmente useresti parole gentili di incoraggiamento.

Ma che dire se fossi tu la persona che ha appena perso il lavoro? Come parli a te stesso in caso di fallimenti e tempi duri?

Gli studi suggeriscono che probabilmente sei molto più severo con te stesso di quanto lo sei con gli altri.

Perché lo facciamo? Rafforza la nostra resilienza rimproverarci duramente con critiche distruttive?

La risposta di solito è no, non è utile. In effetti, gli studi dimostrano che le persone che ottengono punteggi più alti nell’autocompassione tendono a sperimentare meno ansia e depressione, maggiore motivazione, più ottimismo, maggiore felicità e maggiore soddisfazione nella vita.

E’ stato dimostrato che l’autocompassione migliora la salute, la ricchezza e la felicità. È un formidabile potenziatore delle prestazioni e una strategia per ottenere un maggiore benessere.

Quindi, invece di rimproverarci duramente , proviamo questa cosa dell’autocompassione. Potrebbe sostenerci nei momenti di insicurezza e difficoltà!


Che cos’è l’autocompassione?

Come definizione rapida, è utile pensare all’autocompassione come un’estensione della comprensione e dell’incoraggiamento a sè stessi in casi di inadeguatezza, fallimento o sofferenza generale.

Ma la comunità scientifica ha una definizione più specifica di autocompassione che contiene 3 componenti essenziali:

1. Consapevolezza – Se vogliamo confortarci e fare meglio la prossima volta, dobbiamo prima riconoscere che stiamo soffrendo o che abbiamo fatto qualcosa di sbagliato. Va bene commettere errori e fallire, ma dobbiamo affrontare il nostro errore e comportamento se vogliamo migliorare.

La nostra mente può fare una ginnastica impressionante per reprimere il dolore o esternare la colpa per qualcosa che abbiamo fatto.

L’autocompassione ci incoraggia ad affrontare noi stessi in un modo meno critico, così possiamo davvero cambiare in meglio.

La gestione richiede consapevolezza, quindi la consapevolezza è una componente necessaria per praticare l’auto-compassione.

2. Umanità comune – Questo elemento riguarda il riconoscere che tutti soffrono. Può sembrare che tutti su Instagram stiano vivendo infiniti momenti felici, ma nella maggior parte dei casi è solo una facciata.

I momenti di difficoltà fanno parte della condizione umana. È confortante ricordare a noi stessi che non siamo soli nella nostra sofferenza e che non dovremmo sentirci isolati dalle nostre imperfezioni.

3. Self-kindness – Questo aspetto riguarda il mostrare a noi stessi la stessa cura che mostriamo ai nostri amici. Invece di rimproverarci, dovremmo trattarci come un caro membro della famiglia. Così facendo ci muoveremo già nella direzione di uno stile di vita più auto-compassionevole.

Ma cosa significa veramente essere gentili con noi stessi?

Significa che giorno per giorno siamo consapevoli di dover essere cortesi, solidali e compassionevoli con noi stessi.

Perché questo è importante?

Perché l’autocompassione ci aiuta a riconoscere il nostro valore come persona.

Ci consente di riconoscere che, anche se a volte prendiamo decisioni sbagliate, non siamo cattive persone.

La ricerca, nell’ultimo decennio, ha mostrato il parallelo tra cura di sé e benessere psicologico.

Coloro che praticano l’autocompassione tendono anche ad avere migliori relazioni con gli altri, sono più felici della propria vita e hanno una maggiore soddisfazione per la vita in generale.

Come praticare l’autocompassione

Trattati come faresti con un bambino piccolo

Non giudicheresti o sminuiresti mai duramente un bambino piccolo come fai con te stesso. Vorresti solo aiutare e amare quel bambino.

Quando inizi a trattarti come faresti con un bambino piccolo, inizi a mostrarti lo stesso amore, gentilezza e cura.

Pratica Mindfulness

Ogni minuto la tua mente gestisce milioni di bit di informazioni, sebbene tu ne sia consapevole solo di alcune.

Questo per dire che tutti abbiamo script o programmi in esecuzione 24/7.

Alcuni di questi script sono quelli che ci dicono quanto siamo “cattivi” o “non amabili”.

Si attivano da quando eravamo bambini. Il modo per calmare questi script è diventare più consapevoli della propria mente.

Quando inizi ad avere un sentimento o una reazione a qualcosa, fermati e chiediti CHI lo sente?

È il sé compassionevole o il programma in esecuzione?

Buona volontà contro buoni sentimenti

Questi script e programmi stanno conducendo le nostre vite, insistendo sul fatto che abbiamo determinati comportamenti e prendiamo determinate decisioni.

La vita accade e non possiamo sempre evitare sentimenti negativi o tristi.

Se è il programma, ringrazia il programma per quello che ha fatto e allontanalo da te.

Non confondere mai l’auto-compassione come strumento per ignorare la tua vita emotiva profonda e ricca.

Questi sono solo alcuni dei modi in cui puoi iniziare a coltivare l’autocompassione.

La prossima volta che fai un errore, prova a praticare l’autocompassione: diventa consapevole del dolore, riconosci che tutti stanno soffrendo in qualche modo e offri a te stesso un amorevole gentilezza.

Avere un fedele alleato interiore è una fonte di enorme potere personale. Quando impariamo a sfruttare quel potere, spingiamo le nostre vite verso una maggiore felicità e successo.

Se desideri conosceri meglio o parlare con qualcuno dei tuoi sentimenti di auto-rifiuto e giudizio, puoi rivolgerti ad un professionista che ti aiuterà a coltivare la pratica dell’autocompassione.

Fonte : https://www.psychologytoday.com/us/blog/positive-living/201902/the-power-self-compassion

Archivi

Ottobre: 2020
LMMGVSD
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tornare in Italia dopo aver vissuto all’estero: lo shock culturale inverso.

Tornare in Italia dopo aver vissuto all'estero può comportare  una fase di ri-adattamento alla cultura d'origine. Forse quando ti sei trasferito non avresti mai pensato di rientrare in Italia. Ma all'estero non sei più felice, anche se non riesci a comprendere cos'é...

Adattarsi alla vita all’estero: superare lo stress dell’expat

Non é sempre facile adattarsi alla vita all'estero: bisogna imparare ad affrontare e superare lo stress conseguente all'espatrio in un nuovo paese. Lo stress è una normale reazione di adattamento del nostro organismo di fronte a un cambiamento. Secondo la definizione...

Perchè le persone temono l’intimità?

Essere scelti da qualcuno a cui teniamo veramente e provare sentimenti amorevoli può spesso suscitare profonde paure di intimità e rendere difficile mantenere una relazione significativa. Che cos'è la paura dell'intimità? La paura dell'intimità è una paura spesso...

Andare a vivere all’estero: lo shock culturale, che cos’é e come superarlo

Shock culturale é il termine che l’antropologo canadese Kalervo Oberg diede al malessere che può sopraggiungere in  coloro che, per varie ragioni, decidono di andare a vivere all’estero. Secondo questo studioso lo stato di shock culturale sopraggiunge quando si vien...

Come superare un colloquio di lavoro all’estero

Per superare un colloquio di lavoro all'estero sono certamente importanti il CV, la competenza e l'esperienza specifica. Tuttavia effettuare un colloquio di lavoro in una lingua straniera non è come effettuarlo nella lingua madre. Questo comporterà quasi sicuramente...

Come trovare amici all’estero

Hai deciso di trasferirti oppure ti sei trasferito da poco tempo e ti chiedi se riuscirai a trovare amici all’estero? Decidere di partire per un nuovo paese non è facile per molte ragioni e una di queste è proprio il doversi separare da tutti gli amici che conosciamo...

Come migliorare il tuo benessere

La tua salute mentale si riferisce anche al tuo benessere psicologico. Avere un sano benessere psicologico significa che sei in grado di gestire meglio le tue emozioni e il tuo umore. Ogni giorno presenta le sue sfide uniche e uno stato mentale sano può aiutarti ad...

Veri amici: come farseli facilmente e rafforzare quelli che hai

Diamo i veri amici per scontati. L'amicizia è una buona cosa. Non è certo una notizia da prima pagina, ma in qualche modo tutti dimentichiamo quanto sia importante. Quando creiamo la nostra famiglia trascuriamo gli amici. Non ci impegniamo a fare nuove amicizie...

Autocompassione, che cos’é e come migliorarla

Le persone che ottengono punteggi più alti nell'autocompassione tendono a sperimentare meno ansia e depressione, maggiore motivazione, più ottimismo, maggiore felicità e maggiore soddisfazione nella vita. Immagina che un tuo buon amico sia seduto di fronte a te. È sul...

Insicurezza, come superarla

L'insicurezza modella in modo schiacciante la nostra immagine e influenza il nostro comportamento. Siamo chiamati una generazione narcisistica. Ci viene detto che la tecnologia e i social media ci stanno dando un senso gonfiato di noi stessi. Ma la maggior parte delle...

Come posso aiutarti?