Salta al contenuto Salta al piè di pagina

Trasferirsi per amore: 9 consigli per sapere se ne vale la pena

trasferirsi all'estero per amore

6 Comments

  • Teresa
    Inviato 26 Febbraio 2022 a 11:04

    Ho una relazione a distanza ormai da quasi 4 anni io vivo a Lussemburgo e lui in Italia. All’inizio era sicurissima di voler lasciare Lussemburgo per tornarmene in Italia perché comunque è stato veramente dura per me trasferirmi qui con la mia famiglia però ha dato i suoi frutti in campo lavorativo e che in Italia me lo posso solo sognare quello che ho qui in campo finanziario intendo. Ritornando a quello che stavo dicendo prima all’inizio ero sicurissima di volermi trasferire ma poi con il tempo ho notato una differenza di comportamento del mio fidanzato ogni volta che vado a trovarlo e a settembre dell’anno scorso è stato proprio il colmo nel senso che passava tutto il tempo sul cellulare a scrivere ad amici anche mentre eravamo al ristorante insieme quando facciamo la passeggiata mi mantiene le distanze insomma piccolezze che a me hanno fatto passare la voglia di andarlo a trovare di trasferirmi e in più non dormo la notte. Non so proprio cosa fare.

    • Post Autore
      marina arrivas
      Inviato 2 Marzo 2022 a 21:04

      Gentilissima,di fronte ad una scelta così importante per il suo futuro,è senz’altro necessario fermarsi a riflettere sulle possibili conseguenze.
      Le scelte solitamente si fanno per sè e non per qualcun altro,compreso un eventuale partner. La sua relazione potrebbe finire e lei ritrovarsi in un luogo dove non ha scelto di vivere da sola.
      Nel mio articolo sul trasferirsi per amore trova degli spunti utili che la possono aiutare a riflettere,tenedo in considerazione tutti i pro ed i contro di un eventuale trasferimento.
      La sua scelta è importante e nulla va sottovalutato. Andrebbero tenuti presenti anche alcuni aspetti della sua personalità, che se non ben conosciuti , potrebbero indurla a fare un passo di cui in futuro potrebbe pentirsi.
      Buona vita!

  • Maria
    Inviato 17 Marzo 2022 a 20:11

    La mia situazione è piuttosto complicata. Ci siamo conosciuti in Inghilterra, dopo sei mesi di frequentazione c’era un’ottima intesa e decidemmo di vivere insieme, anche per una questione economica, per dividere spese e tutto. La convivenza è andata benissimo, sempre più innamorati, eravamo così contenti. In questo periodo avevo ricevuto un’offerta di lavoro nei paesi arabi, che stavo prendendo seriamente in considerazione. Vedendo me entusiasta di questo progetto e sapendo che non sarebbe mai venuto con me lì, abbiamo deciso di allontanarci. Siamo ritornati entrambi in Italia (anche lui è italiano), io a casa mia al sud e lui a casa sua al nord. Abbiamo cercato entrambi di andare avanti con le nostre vite, però sentivamo entrambi ancora una forte connessione. Abbiamo ripreso a sentirci come se non ci fossimo mai lasciati, però tra pandemia e lavoro ancora non ci siamo potuti. Si parla di vivere insieme da lui in futuro, visto che ha un buon lavoro e ha comprato casa, però sono così preoccupata. Lavoro in pasticcerie di alto livello, Michelin e alberghi di lusso, ho visto la zona dove vive lui e non c’è nulla che si avvicini a quello che faccio. Abita in un paesino di provincia e io sono sempre abituata alla città, vive in una realtà completamente diversa e la situazione lavoro mi spaventa tantissimo. Significherebbe cambiare lavoro e quindi sacrificare la mia carriera. Il mio cuore dice “parti che aspetti”, ma la mia testa “ma che cavolo fai”

    • Post Autore
      marina arrivas
      Inviato 18 Marzo 2022 a 19:59

      Gentilissima,è sempre difficile offrire spunti di riflessione senza conoscere a fondo la situazione che lei sta vivendo. Innanzitutto provi a domandarsi se lui sarebbe disposto a trasferirsi in un luogo dove lei ha trovato un buon posto di lavoro nel suo settore.
      Inoltre,da quello che scrive, mi sembra di capire che per lei il lavoro costituisce una parte importante della sua identità a cui dovrebbe rinunciare se decidesse di seguire quest’uomo.
      Certamente l’affettività fa parte dell’identità personale assieme ad altri aspetti che non vanno soffocati,compresa l’identità lavorativa.
      Provi ad immaginare di essere nel paesino dove dovrebbe trasferirsi e si chieda che emozoni le suscita questa idea:paura, preoccupazione,tristezza? Sono emozioni da non trascurare perchè segnalano che una parte di lei non condivide la scelta di seguire questa persona.
      Occorre imparare ad assumersi la responsabilità del proprio benessere emotivo, senza delegarla.
      Le scelte importanti della vita si fanno per sè e non per un altra persona.
      Buona vita!

  • Giulia
    Inviato 21 Marzo 2022 a 16:47

    Salve, sono una donna lesbica di 34 anni. Sono da circa 6 mesi (+ circa 4 mesi di conoscenza “virtuale”) che mi frequento con la mia partner di 38 anni, che vive in una città al nord (io sono di Roma) a circa 600 km di distanza. Ci vediamo tutti i weekend, con immensa fatica e sacrificio.. abbiamo parlato spesso di trasferimento ma nessuna delle due riesce a decidersi: lei ha comprato casa da pochi mesi e vorrebbe “godersela”, inoltre ha trovato una sua dimensione (è straniera ma vive in italia da 8 anni); io invece sono in affitto, anche se volendo potremmo vivere in una casa di proprietà della mia famiglia una volta ristrutturata, ho un lavoro più o meno precario che non mi soddisfa, in generale non sono soddisfatta della mia vita, però comunque ho qui la mia famiglia, mia nipote e i miei hobby. Siamo bloccate in questa situazione che sta logorando la relazione, mi sento confusa e frustrata.. lei è più flessibile col lavoro nel senso che lavora da casa e avevamo pensato quindi che potesse venire lei qui qualche mese, così potremmo testare la convivenza, poi penso che sarei disponibile anch’io eventualmente a un trasferimento nella sua città. solo è difficile mantenere la serenità per me (sono una persona tendente al… malinconico).. so solo che quando stiamo insieme nei weekend stiamo benissimo e mi sento a casa con lei..

    • Post Autore
      marina arrivas
      Inviato 29 Marzo 2022 a 20:13

      Gentilissima, il trasferimento in una nuova città comporta sempre un cambiamento significativo nella vita della persona. Occorre uscire dalla propria “confort zone”, senza sapere bene cosa incontrerà nel nuovo ambiente di vita. E’ come esploare un territorio nuovo . Sicuramente trascorrere dei periodi “di prova” nella nuova città può aiutare a comprendere se il trasferimento può essere idoneo o meno. Tenga presente tuttavia che andare in vacanza in quella città non sarà come trasferirvisi per sempre,instaurando nuove routine ed un nuovo stile di vita. La “confort zone” è fatta di quotidianità,anche semplici ma che contribuiscono all’identità dell’individuo ed al suo adattamento all’ambiente in cui vive. Inoltre, quando una relazione è in fase iniziale,solitamente si è in preda all’idealizzazione che non consente di fare scelte ponderate. Nel mio articolo qui sopra troverà ulteriori spunti di riflessione che sicuramente l’aiuteranno a compiere la scelta migliore.
      Buona vita!

Lascia un commento

Marina Arrivas la psicologa online logo

AVVISO DI GRAVITA’

Se tu o qualcuno che conosci si trova in situazione di pericolo o di emergenza non usare questo sito per ottenere un aiuto immediato. Contatta il numero di emergenza del paese dove vivi.

Copyright © 2022  Dott.ssa Marina Arrivas – La psicologa online per gli italiani all’estero

Via fratelli cervi 3 – 64021 Giulianova TE – P:iva: 00847010675 – C.F: RRVMRN62B42H501K
Iscrizione all’albo psicologi della Regione Abruzzo n° 248

Sito web realizzato da: Francesco Azzaro

Termini e Condizioni Privacy Policy Cookie Policy
Preferenze Cookie