Dott.ssa Marina Arrivas

Psicologa per italiani all’estero

Tornare a vivere in Italia

da | Set 16, 2021 | espatrio ed emozioni

Tornare a vivere in Italia: perchè é così difficile riadattarsi?

La maggior parte degli espatriati sa che per adattarsi a vivere all’estero occorre un po’ di tempo e si prepara di conseguenza.

Tuttavia la maggior parte di essi non è a conoscenza dell’esistenza dello “shock culturale inverso”; non se lo aspetta e non sa come gestirlo.

Quando possiamo anticipare un evento stressante lo affrontiamo meglio.

Siamo preparati sia fisicamente che emotivamente ad affrontare il peggio che potrebbe accadere.

Il rimpatriato si aspetta l’esperienza esattamente opposta, ossia che il ritorno a casa sarà un’esperienza assolutamente positiva, così come lo sono le vacanze che ha trascorso a casa negli anni passati all’estero.

Tutto insieme

Un altro fattore che complica il rientro è che la maggior parte dei problemi emergono contemporaneamente.

Non hai il tempo di affrontarli uno alla volta, incanalando le tue energie sul problema.

Prese separatamente la maggior parte delle sfide del riadattamento sono abbastanza gestibili.

Il problema è che non si verificano isolatamente, e l’impatto cumulativo può essere schiacciante.

L’ignoranza di questo fatto, spesso induce i rimpatriati ad autosvalutarsi, convincendosi di non essere in grado di gestire il riadattamento.

Se facessero un elenco dettagliato di ciò che hanno dovuto affrontare dopo il rientro, avrebbero un rispetto più sano sia per quello che stanno attraversando che per quanto bene lo stanno affrontando.

Nessuno a cui rivolgersi

La solitudine del rientro può essere l’aspetto più difficile di tutti.

Quando sei andato all’estero, con ogni probabilità hai conosciuto dei connazionali che avevano attraversato il tuo stesso shock culturale.

Condividere con alcuni di loro l’esperienza dell’adattamento al paese straniero potrebbe averti aiutato ad affrontare lo shock culturale.

Ora invece poche o nessuna delle tue conoscenze ha attraversato lo shock del rientro.

Non c’è nessuno che capisca cosa stai provando, nessuno a rassicurarti che le paure, i dubbi, la rabbia, e il dolore che provi siano perfettamente normali, nessuno che ti assicuri che non stai davvero perdendo la testa.

A peggiorare le cose, è probabile che le persone importanti della tua vita si stiano chiedendo  cosa ti succede.

Perché non sei contento di essere tornato a casa? Non ti piaciamo più? Perché il tuo umore oscilla così drammaticamente? Perché sei così irritabile, depresso?

Quando senti alcune di queste domande da parte di familiari ed amici potresti sentirti in dovere di sforzarti di essere contento.

Peggio ancora, molti rimpatriati, non capendo cosa stanno attraversando, mettono a tacere il loro disagio, per godere di quello che dovrebbe essere la piacevole esperienza del rientro.

Questa pressione, dall’esterno o dall’interno, non fa altro che aggiungere ansia e insicurezza.

Tornare a vivere in Italia,il lato pratico

Da dove comincio

Tornare a vivere in Italia non è solo nella mente e nelle emozioni. C’è anche una lunga lista di cose da fare, il lato pratico del rientro.

Potrebbe essere necessario trovare un nuovo appartamento o acquistare una casa, un compito enormemente dispendioso in termini di tempo ed energie.

Potrebbe essere necessario acquistare un’auto, un’altra grande impresa nel migliore dei casi. Devi iscrivere  i bambini a scuola, comprare i vestiti e il materiale  scolastico, organizzare il trasporto.

Devi aprire un conto in banca, ottenere una carta di credito, prenderti cura delle questioni fiscali e assicurative.

La tua mobilia spedita non è ancora arrivata, è arrivata troppo presto o mancano elementi chiave.

Devi sottoscrivere i contratti del gas, l’elettricità e la TV.

Potrebbe essere necessario ottenere la convalida della patente di guida.

Hai un sacco di cose da comprare, disimballare, riporre, immagazzinare, pulire e riparare.

Questioni di soldi

Una volta che inizi a fare alcune di queste cose, si pone un altro problema: la questione dei soldi e, in particolare, la loro mancanza.

Spesso quando si torna nel paese d’origine c’è in calo dello stipendio e/o dei benefici economici che si godevano all’estero.

Nel frattempo, i prezzi sono aumentati, le tasse sono più alte e i bambini hanno bisogno di vestiti nuovi.

Inoltre il rientro comporta una serie di spese una tantum, come ad esempio le spese per il trasloco, l’acquisto di una nuova macchina, o di mobili ed elettrodomestici,…

Tornare a vivere in Italia:ora che sei tornato

Un’altra questione pratica che devi affrontare ora che sei a casa è il fatto che gli amici, e soprattutto la famiglia, potrebbero avere delle aspettative nei tuoi confronti.

I nonni possono sentirsi in dovere di vedere i loro nipoti più spesso di quanto tu sia disposto a recarti a casa loro.

I membri della famiglia potrebbero anche aspettarsi che inizi a prenderti la responsabilità degli anziani genitori o zii, sia che si tratti di prenderli in casa per un periodo, o di accompagnare la zia a qualche visita medica o ad un day hospital per un controllo.

Loro si aspettano che tu faccia la tua parte, forse anche un po’ di più per recuperare tutto il tempo che sei stato lontano.

Un’altra verità sul rientro è che i problemi familiari che hai lasciato quando sei partito per l’estero  potrebbero essere lì ad aspettarti al tuo ritorno.

Non sono spariti semplicemente perché te ne sei andato e non si sono risolti da soli in tua assenza, anche se potevi aver avuto quest’impressione durante le visite rapide a casa durante le quali i problemi non erano mai emersi.

Se pensavi che il problema fosse sparito o, peggio, se te ne fossi andato in parte per fuggire da esso, allora potresti avere una spiacevole sorpresa al tuo rientro.

La vacanza non è il rientro

I rimpatriati dovrebbero essere informati che le vacanze trascorse a casa o le brevi visite fatte per qualche ragione particolare non sono un’anticipazione del riadattamento.

Questi rientri veloci sono di solito sempre idilliaci : incontri quasi perfetti con familiari e amici; cene con ex compagni di scuola; week-end a casa degli amici del compagno o escursioni in montagna con cugini.

Questo genere di rientri sono vacanze autentiche, una pausa dalla vita reale, dove niente importa perché tu comunque non vivi qui.

Ma queste visite non sono in alcun modo un’anticipazione di riadattamento; esse infatti, possono essere molto fuorvianti.

Tornare a vivere in Italia,cosa può fare il rimpatriato

Questi sono alcuni dei problemi comuni del rientro, una lunga lista di problemi a quanto pare.

Alcuni sono pratici, dove l’unico problema è trovare il tempo, il denaro e l’energia per fare ciò che deve essere fatto.

Altri sono psicologici ed emotivi, dove il problema è capire cosa ti sta accadendo, cosa stai attraversando e perché.

Ecco alcuni suggerimenti per far fronte ai problemi che abbiamo descritto sopra.

Addio significativo

Il primo consiglio è quello di orchestrare un addio significativo.

Inizia a pianificare il tuo rientro diversi mesi prima.

Fai un elenco delle persone alle quali vuoi dire addio e fai in modo che ciò accada a tempo debito.

Decidi cosa vuoi visitare prima di partire.

Che aspettative hai?

Un’altra cosa che puoi fare mentre sei ancora all’estero è pensare a cosa ti aspetti esattamente che accada dopo il tuo rientro.

Come immagini che ti sentirài? Che ipotesi stai facendo su come le persone reagiranno a te, sul luogo in cui stai tornando? Che ipotesi fai sulle persone che hai lasciato quando sei partito? Ti aspettano? Saranno cambiati? Che ipotesi fai su di te? Pensi di essere la stessa persona che eri quando sei partito?

Aspettati lo shock culturale inverso

Sapendo che arriverà, cambierà il modo in cui lo affronterai.

Non ti prenderà alla sprovvista e avrai anche aspettative più realistiche di te stesso, della tua famiglia e dei tuoi amici.

Leggere articoli o libri sul rientro e relativo riadattamento e, soprattutto, parlare con persone che lo hanno vissuto o con un professionista esperto di tematiche d’espatrio, sono probabilmente i modi migliori per prepararsi a gestirlo al meglio

Ricorda che essere preparati non renderà il rientro indolore, ma certamente meno traumatico.

Dovresti anche ricordare che quando si rientra è perfettamente normale sentirsi sopraffatti dalle troppe cose da gestire; che non è colpa tua se stai passando un momento così difficile.

Non c’è niente di sbagliato in te solo perché ti senti depresso e vuoi tornare all’estero.

Non è nemmeno saggio negare di avere difficoltà, fingere che tutto stia andando bene e che tu sia felice come i tuoi cari pensano che dovresti essere.

A volte sentirai la pressione a farlo, da chi ti circonda e da dentro di te.

Non devi recitare per accontentare gli altri che non capiscono il tuo disagio.

Non saltare alle conclusioni sui tuoi compatrioti e non disperare troppo presto.

Ricorda anche che il loro comportamento può essere una reazione al tuo.

Se tu continui a parlare di quanto sia brutto il tuo paese d’origine e di quanto sia perfetto l’estero puoi davvero aspettarti che la gente continui a voler conversare con te?

A nessuno piace sentir denigrare il luogo dove vive.

Tornare a vivere in Italia:concediti del tempo

Non ti sentirai a casa per diverse settimane, anche per mesi. Transizioni di questa portata, complesse e comprendenti tante parti della tua vita, sono processi graduali che necessitano di tempi lunghi.

Ricorda quanto tempo ti ci è voluto per adattarti all’estero.

Sii paziente con te stesso e con altri.

Ricorda anche che hai già attraversato delle transizioni, forse non il rientro di per sé, ma momenti in cui la  tua vita è cambiata in modo significativo e hai dovuto adattarti a una nuova serie di circostanze.

L’hai fatto, per esempio, quando sei andato all’estero, l’hai fatto ogni volta che ti sei trasferito o hai cambiato lavoro, quando ti sei sposato (o divorziato), quando hai avuto un figlio (o un figlio si è trasferito), quando una persona cara è morta.

Tutti hanno fatto esperienza di transizioni e dell’ansia causata dai cambiamenti di vita, il rientro è solo una di esse.

In altre parole, hai già imparato la maggior parte delle abilità di cui avrai bisogno per affrontare l’esperienza di tornare a vivere in Italia.

Praticamente parlando

Ciò che puoi fare per affrontare al meglio l’esperienza del rientro è essenzialmente l’adeguamento del tuo atteggiamento e delle tue aspettative.

Ci sono, tuttavia, anche alcuni passaggi pratici che puoi adottare per aiutarti durante il processo.

Raccontare con parsimonia

Non bisogna essere così ansiosi di raccontare tutto quello che è successo in una sola volta.

Anche la famiglia e gli amici hanno un limite a quanto possono sentire delle tue esperienze all’estero.

Vedrai queste persone ancora e ancora nei mesi a venire; racconta loro le tue storie gradualmente.

Tornare a vivere in Italia:mostra interesse per gli altri

Ricordati di chiedere alle persone a casa cosa è successo nelle loro vite mentre eri via.

Mostra almeno tanta pazienza per l’ascolto quanta ne hanno mostrato con te .

Saranno molto più disposti a sentire parlare della tua vita se mostri interesse per la loro.

Un budget per le spese

Un’altra strategia utile è sviluppare un budget non appena possibile, idealmente mentre sei ancora all’estero.

Anticipa il più possibile le spese che puoi, sia una tantum che in corso, e cerca di sapere prima della partenza a quanto ammonterà il tuo stipendio una volta rientrato.

Non sarai in grado di prevedere tutte le spese, specie quelle eccezionali, o calcolare con esattezza le spese correnti, ma dovresti iniziare a farti un’idea di quanto ti costerà vivere a casa.

Se il reddito e le spese si bilanciano approssimativamente, potresti dover essere cauto.

Se le spese sono superiori alle entrate, inizia a pensare ora alle tue priorità.

Quali sono le spese essenziali da sostenere adesso e quali sono quelle che possono aspettare?

Non tutte le spese che affronterai al rientro hanno la stessa urgenza.

L’abbonamento alla metro o al treno per recarsi al lavoro non possono aspettare, ma rifoderare il divano sì.

L’appartamento ha bisogno di essere ripitturato, ma tu puoi comunque già entrarci.

Cerca altri rimpatriati

Una delle cose più utili che puoi fare durante il rientro è per cercare altri rimpatriati per condividere con loro la tua esperienza.

A volte il peso del ritorno a casa sembra troppo gravoso da portare da solo.

Puoi utilizzare i social per cercare gruppi di rimpatriati nella tua zona.

Avere la possibilità di parlare con qualcuno che capisca cosa stai passando e che può convalidare l’esperienza che stai attraversando sarà un sollievo. 

Tornare a vivere in Italia,conclusioni

Sopraffatti e forse depressi dal rientro, i rimpatriati spesso dimenticano come siano cambiati in meglio dopo essersi trasferiti all’estero.

Ecco dunque un promemoria, per quei giorni in cui ti chiedi chi te l’ha fatto fare di trasferirti all’estero.

1. Hai imparato a conoscere un’altra cultura e un’altra parte di mondo.

2. Ora puoi parlare una nuova lingua, che sarà utile nella tua carriera o a scuola.

3. Ti sei fatto degli amici meravigliosi.

4. Sei meno etnocentrico; vedi sia te stesso che il mondo in modo più chiaro.

5. Sei più indipendente, autosufficiente e sicuro di te stesso.

6. Puoi pensare in modo più creativo o più originale.

7. Sei più flessibile e potresti essere più cauto nell’ esprimere giudizi.

8. Conosci la tua cultura meglio di chi non si è mai spostato.

E tu hai avuto difficoltà quando hai deciso di tornare a vivere in Italia?

Se lo desideri puoi condividere la tua esperienza nei commenti qui sotto.

Fonte

The art of coming home https://www.craigstorti.com/book3.htm

Archivi

Ottobre: 2021
LMMGVSD
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stress da trasloco,come superarlo

Stress da trasloco: il trasloco all'estero influisce sul benessere personale degli individui; può influenzare le relazioni con la famiglia e gli amici in molti modi. Lo stress da traslochi multipli può arrivare ad influenzare in modo negativo lo stato di salute...

Farsi nuovi amici all’estero e mantenerli

Se è difficile farsi nuovi amici all’estero, è altrettanto importante sapere come fare a mantenere le amicizie nel tempo.  Sostenere le amicizie richiede una serie di abilità. E’ anche vero che ci sono momenti in cui dovresti considerare di porre fine ad alcune...

Solitudine all’estero

Solitudine all’estero: l’amicizia è molto simile al cibo. Ne abbiamo bisogno per sopravvivere. Gli esseri umani hanno un bisogno fondamentale di inclusione nella vita di gruppo e di relazioni strette. Quando si decide di trasferirsi all’estero, si perde la rete di...

Trasferirsi all’estero, vincere la timidezza

Trasferirsi all’estero: la timidezza può essere un serio ostacolo al processo di adattamento nel nuovo paese. Interagire con altre persone mette a disagio la maggior parte, se non tutti noi. Anche le persone più socievoli e sicure di sé rimangono consapevoli e...

Vivere lontano dalla propria terra

Anche quando il trasferimento all’estero è voluto e programmato, non sempre si è pronti a vivere lontano dalla propria terra. Andare a vivere all’estero è una scelta abbastanza impegnativa; una nuova lingua, un nuovo stile di vita, la ricerca del lavoro e di una nuova...

Paura di vivere all’estero: come affrontarla

La paura di vivere all’estero è più frequente di quanto tu possa immaginare. Quali sono le principali paure che impediscono di vivere all’estero e come superarle? Paura di vivere all’estero: la barriera linguistica Una delle sfide più difficili a cui ci sottoponiamo...

Espatriare o restare in Italia

Espatriare o restare in Italia? Come decidere senza farsi influenzare dai bias cognitivi. Quando una persona comincia a pensare se espatriare o meno, inizia con il chiedersi se stia facendo la scelta giusta. Il percorso che porta a decisioni così importanti per la...

Paura di volare,come vincerla

Paura di volare: non è necessario viaggiare solo su strada se temi gli aeroplani. Per alcuni una vacanza imminente o anche un viaggio d'affari non è una prospettiva felice. Significa un volo in aereo e alcune persone tremano interiormente al solo pensiero di salirci...

Ansia da vaccino,come nasce

Ansia da vaccino: la posizione no-vax o l’esitazione a vaccinarsi sono altamente problematici quando si tenta di ottenere l'immunità di gregge contro il Coronavirus. E’ pertanto importante comprendere i modi in cui potremmo sovrastimare i rischi quando si prende in...

Contagio emotivo ai tempi del coronavirus

Contagio emotivo: cos’è e come evitarlo L’altra pandemia Oltre alla pandemia in corso da Coronavirus c'è un'altra pandemia che stiamo affrontando contemporaneamente, e che è altrettanto contagiosa: la rapida diffusione di ansia e paura. Tale diffusione avviene a...

Come posso aiutarti?