Come recuperare il rapporto con la propria madre

da | Giu 24, 2019 | relazioni

Vorrei poter dire che non è mai troppo tardi per recuperare il rapporto con la propria madre. Comunque tutta la questione relativa alla riparazione del rapporto è complicata.

In alcune situazioni potrebbe essere, in un certo senso, troppo tardi.

Mentre alcune persone hanno avuto la fortuna di avere una madre amorevole, solidale e presente che non ha mai causato disagio emotivo, per altre potrebbe non essere stato così.

Tua madre potrebbe essere deceduta, o potresti aver deciso che il tuo rapporto con lei è troppo doloroso o dannoso per tenerla nella tua vita. In casi come questi, la relazione riparata è quella che porti dentro te stesso, che ti aiuta a guarire e a sentirti integro anche in sua assenza.

Per altre persone però, la riparazione potrebbe includere la madre, se si sceglie di farlo.

Ricorda: tua madre è una persona che commette errori, proprio come te.

Quando eri un bambino, i tuoi genitori erano le figure più importanti della tua vita.

Erano i tuoi eroi o i tuoi nemici, i tuoi capi o i tuoi protettori. Crescere comporta comprendere che i nostri genitori sono persone normali.

Sono imperfetti.

Molte persone fanno il meglio che possono con gli strumenti che hanno, compresi i tuoi genitori. I genitori imperfetti spesso avevano genitori imperfetti.

A volte cerchiamo di correggere gli errori commessi dai nostri genitori e finiamo per esagerare nel rapporto con i nostri figli.

Ad esempio se tua madre non ha mostrato abbastanza gentilezza e amore quando eri un bambino, potresti mostrare così tanto calore e amore ai tuoi figli da farli sentire soffocati.

Rapporto con la propria madre: l’errore di attribuzione.

Un termine preso a prestito dalla psicologia sociale potrebbe aiutare a spiegare meglio questo concetto: “errore fondamentale di attribuzione”.

L’errore fondamentale di attribuzione è la tendenza a considerare i difetti di qualcun altro come rappresentativi di ciò che lui è, mentre i propri come dovuti alle situazioni.

In altre parole: quando nel traffico taglio la strada ad un automobilista, è perché sono in ritardo per un incontro importante.

Quando un altro mi taglia la strada è un cretino ed egoista. Oppure: quando mostro un temperamento iroso nei confronti di mio figlio, è perché sono stressato.

Quando mia madre si arrabbiava, era perché era una cattiva madre.

Ripensa alle interazioni con tua madre quando eri giovane e valuta se l’errore di attribuzione fondamentale ha giocato un ruolo nel modo in cui hai interpretato l’evento.

Se tua madre era sprezzante delle tue emozioni, era perché era una madre terribile? O perché era avvolta nella sua vita stressante o perché non sapeva come consolarti? Questo rende il suo comportamento ok? Assolutamente no.

Ma lo rende più comprensibile e quindi forse più facile da perdonare.

Diventare genitori potrebbe cambiare il rapporto con la propria madre.

E’ capitato che le opinioni delle persone riguardo i propri genitori siano cambiate una volta che anche loro hanno avuto dei figli.

Ad esempio, una figlia un tempo ribelle ha chiamato sua madre per lamentarsi della propria figlia che piangeva tutta la notte. Voleva solo ringraziarla per “non avermi buttato fuori dalla finestra quando ero piccola e piangevo tutta la notte”, disse.

Quando abbiamo dei bambini, è come dare un’occhiata dietro le quinte della nostra infanzia. Oh, ecco cosa è successo dopo che mi hanno mandato a letto! A dieci anni eri convinto che tutto il divertimento cominciasse dopo l’ora di andare a letto, e magari ti sei risentito con i tuoi genitori.

Ora che hai dei bambini, sai che l’ora di andare a letto dei tuoi figli significa che finalmente hai la libertà di … collassare esausto sul divano, o di rimanere sveglio fino a tardi per finire tutto il lavoro che non hai potuto fare mentre eri occupato a portare i figli a scuola, agli allenamenti sportivi, al doposcuola.

Recuperare il rapporto quando tua madre non è più con te.

Quando non puoi parlare con tua madre per condividere con lei le tue esperienze genitoriali o chiederle perché si è comportata in modo tale da ferirti, è opportuno trovare una nuova “figura materna” sostitutiva che possa offrirti alcuni dei benefici di una relazione madre-figlio serena.

Un professionista della salute come ad esempio uno psicologo può offrirti quell’accettazione incondizionata che non hai ricevuto, o che non puoi più ricevere, da tua madre.

Quando si ripara il rapporto con la propria madre, non solo si guarisce dalle ferite emotive  del rapporto con quella persona; ma migliorano anche il  rapporto con il partner, gli amici, i figli e te stesso.

Qui la fonte originale :  

https://abrandtherapy.com/repairing-your-relationship-with-your-mother/

Archivi

Dicembre: 2021
LMMGVSD
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031 

7 Commenti

  1. Faty

    MIA MADRE mi soffoca tanto, perché esagera sempre con le sue frasi (che pensa siano d’effetto); io non la sopporto più e ,quindi, questo mi ha portata ad odiare anche solo stare vicino a lei o sentire la sua voce. Vorrei tanto riparare le cose sapete come potrei fare.
    Grazie.

    Rispondi
    • marina arrivas

      Gentile Faty, il rapporto tra madre e figlia é uno dei legami più forti che possano esistere. E’ spesso anche conflittuale poiché la naturale identificazione della ragazza con la propria madre rende più difficile la separazione dalla figura materna. Spesso il rapporto tra madre e figlia può diventare conflittuale quando la ragazza sta crescendo, e cerca di rendersi autonoma dalla figura materna. Può capitare che la madre fatichi ad accettare che lei é cresciuta e vuole prendere autonomamanete le sue decisioni. Ma ci sono anche altre motivi che possono rendere conflittuale il legame madre-figlia. Questi conflitti sono abbastanza frequenti e non devono spaventare : la crescita della figlia passa anche attraverso crisi e litigi. Occorre imparare a saper gestire al meglio le situazioni conflittuali che si possono innescare tra madre e figlia. Talvolta é necessario guardare le situazioni che ci fanno soffrire da un altro punto divista, ma quando si é immerse in forti emozioni non ne siamo capaci. Uno psicologo potrebbe aiutarla a considerare altri punti di vista che le consentano di vivere il rapporto con sua madre con maggiore serenità.
      Fino alla fine di luglio offro una prima consulenza gratuita: se vuole possiamo parlarne tramite videochiamata. Se lo desidera mi contatti e fisseremo il colloquio. Buona serata.

      Rispondi
      • Faty

        Grazie mille, in realtà non credo che ce ne sia bisogno perché ho capito il MOTIVO di perché mi parla così. La ringrazio infinitamente per il suo aiuto, ma ora devo io affrontare le mie responsabilità. Grazie mille dottoressa. Arrivederci.

        Rispondi
        • marina arrivas

          Grazie a lei e buona vita !

          Rispondi
  2. marika

    ciao sono Marika una ragazza di 14 anni, quando io e mio fratello eravamo piccoli i miei genitori si sono separati per poi divorziare.

    Da quel giorno io e mio fratello andiamo dallo psicologo perchè soffriamo del disturbo delle emozioni.
    La odio da ,morire non so cosa fare

    Rispondi
    • marina arrivas

      Cara Marika,nel suo commento mi dice che va da uno psicologo.Sicuramente é lui la persona che, conoscendola a fondo,può aiutarla a districare e a dare un senso alle emozioni che prova nei riguardi di sua madre. La lettura dei miei articoli in merito al rapporto madre-figlia può darle qualche utile spunto di riflessione ma occorre un percorso con un professionista qualificato. Ha fatto bene ad affidarsi, vedrà che piano piano i miglioramenti non tarderanno ad arrivare. Buona vita!

      Rispondi
  3. marika

    grazie mille

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tornare a vivere in Italia

Tornare a vivere in Italia: perché così difficile riadattarsi? La maggior parte degli espatriati sa che per adattarsi a vivere all'estero occorre un po' di tempo e si prepara di conseguenza. Tuttavia la maggior parte di essi non è a conoscenza dell’esistenza dello...

Trasferirsi per amore: 8 cose da sapere

8 cose da sapere prima di trasferirsi per amore Trasferirsi per amore: può capitare talvolta che la scelta dell’estero sia fatta per seguire il partner. Lui ha ricevuto una buona offerta di lavoro che sarebbe un peccato rifiutare. Lasciare la famiglia, il paese e...

Andarsene all’estero,effetti collaterali

Decidere di andarsene all'estero implica fare i conti con i legami che hai instaurato con i luoghi dove sei cresciuto. Negli ultimi vent’anni la psicologia ambientale si è occupata di studiare i legami affettivi (place attachment) che si stabiliscono tra la persona e...

Vivere lontano da casa,uso dei social

Vivere lontano da casa: in che modo lo stile di attaccamento di ognuno di noi influisce sull’ utilizzo dei social quando si vive all’estero? Decidere di partire per un nuovo paese non è facile per molte ragioni e una di queste è proprio il doversi separare da tutti...

Stress da trasloco,come superarlo

Stress da trasloco: il trasloco all'estero influisce sul benessere personale degli individui; può influenzare le relazioni con la famiglia e gli amici in molti modi. Lo stress da traslochi multipli può arrivare ad influenzare in modo negativo lo stato di salute...

Farsi nuovi amici all’estero e mantenerli

Se è difficile farsi nuovi amici all’estero, è altrettanto importante sapere come fare a mantenere le amicizie nel tempo. Sostenere le amicizie richiede una serie di abilità. E’ anche vero che ci sono momenti in cui dovresti considerare di porre fine ad alcune...

Solitudine all’estero

Solitudine all’estero: l’amicizia è molto simile al cibo. Ne abbiamo bisogno per sopravvivere. Gli esseri umani hanno un bisogno fondamentale di inclusione nella vita di gruppo e di relazioni strette. Quando si decide di trasferirsi all’estero, si perde la rete di...

Trasferirsi all’estero, vincere la timidezza

Trasferirsi all’estero: la timidezza può essere un serio ostacolo al processo di adattamento nel nuovo paese. Interagire con altre persone mette a disagio la maggior parte, se non tutti noi. Anche le persone più socievoli e sicure di sé rimangono consapevoli e...

Vivere lontano dalla propria terra

Anche quando il trasferimento all’estero è voluto e programmato, non sempre si è pronti a vivere lontano dalla propria terra. Andare a vivere all’estero è una scelta abbastanza impegnativa; una nuova lingua, un nuovo stile di vita, la ricerca del lavoro e di una nuova...

Paura di vivere all’estero: come affrontarla

La paura di vivere all’estero è più frequente di quanto tu possa immaginare. Quali sono le principali paure che impediscono di vivere all’estero e come superarle? Paura di vivere all’estero: la barriera linguistica Una delle sfide più difficili a cui ci sottoponiamo...

Come posso aiutarti?