Dott.ssa Marina Arrivas

Psicologa per italiani all’estero

Solitudine all’estero

da | Set 2, 2021 | espatrio ed emozioni

Solitudine all’estero: l’amicizia è molto simile al cibo. Ne abbiamo bisogno per sopravvivere.

Gli esseri umani hanno un bisogno fondamentale di inclusione nella vita di gruppo e di relazioni strette.

Quando si decide di trasferirsi all’estero, si perde la rete di amicizie che si aveva nel proprio paese e, soprattutto i primi tempi, si può avvertire un sentimento di solitudine.

Non è facile farsi nuovi amici in età adulta. E’ meno difficile se si lavora e si frequentano quotidianamente i colleghi di lavoro.

Tra di essi si può provare a stringere qualche nuova amicizia. La solitudine è più sentita da coloro che si sono trasferiti all’estero per seguire il partner e non lavorano.

Il rimanere a casa, oltre che ostacolare l’apprendimento della lingua del posto, rende più difficile fare nuove amicizie, sia con stranieri che con i nativi.

Capire la solitudine

Singolo? solitario? Questo è assolutamente normale. Ma tendiamo a non parlare o riconoscere la solitudine, figuriamoci a tollerarla bene.

Ci sono alcuni sentimenti a cui siamo diventati completamente contrari, e la solitudine è uno di questi.

Per il single moderno, riconoscere la solitudine è tabù.

Molti single vogliono apparire forti, indipendenti e capaci, e spesso si pensa che essere “soli” trasmetta il contrario.

Ma puoi essere forte, indipendente e capace e sperimentare la solitudine all’estero. Queste cose possono coesistere.

Puoi avere una relazione e sentirti solo. Forse vivi in una famiglia impegnata o fai parte di una famiglia numerosa e ti senti solo.

Puoi avere “successo” e “avere tutto” e sentirti solo.

E puoi sentirti grato e appagato da molti aspetti della tua vita e anche, allo stesso tempo, sentirti solo.

Il punto è che la solitudine è come qualsiasi altro stato emotivo: va e viene.

E proprio come tutti gli altri stati emotivi, è valido e fa parte dell’essere umano.

Quindi, invece di cercare di combattere o sopprimere la solitudine, avvicinati ad essa con più curiosità e auto-compassione.

Solitudine all’estero: i pericoli

L’essere umano sembra che abbia una spinta di base per questo.

Gli studiosi hanno scoperto che gli esseri umani hanno un bisogno fondamentale di inclusione nella vita di gruppo e di relazioni strette.

Siamo veramente animali sociali.

Il risultato è che funzioniamo meglio quando questa esigenza sociale viene soddisfatta.

È più facile rimanere motivati, affrontare le varie sfide della vita.

In effetti, sono aumentate le prove che quando il nostro bisogno di relazioni sociali non viene soddisfatto, cadiamo a pezzi mentalmente e anche fisicamente.

Effetti sul cervello e sul corpo

Alcuni effetti funzionano in modo sottile, attraverso l’esposizione di più sistemi corporei a quantità eccessive di ormoni dello stress.

Tuttavia, gli effetti dei bisogni sociali insoddisfatti sono abbastanza evidenti da essere misurati nel tempo. Essi mettono a dura prova la salute, erodendo le nostre arterie, creando ipertensione e persino minando l’apprendimento e la memoria.

La mancanza di amici intimi e la mancanza di contatti sociali più ampi generalmente inducono quel disagio emotivo noto come solitudine.

Esso inizia con la consapevolezza di una carenza di relazioni.

Questa consapevolezza cognitiva suona attraverso il nostro cervello con una colonna sonora emotiva.

Ci rende tristi. Potremmo sentire un vuoto.

Potremmo essere pieni di desiderio di contatto. Ci sentiamo isolati, allontanati dagli altri, privati.

Questi sentimenti lacerano il nostro benessere emotivo.

Nonostante gli effetti negativi della solitudine, difficilmente può essere considerata anormale.

È una sensazione normalissima.

Tutti si sentono soli a volte, dopo una rottura con un amico o un amante, quando ci trasferiamo all’estero, quando siamo esclusi da qualche incontro sociale.

Solitudine cronica nei bambini

La solitudine cronica è tutta un’altra cosa. È uno degli indicatori più sicuri esistenti per il disadattamento.

Nei bambini, induce molti problemi.

L’incapacità di essere socialmente connessi ai coetanei è la vera ragione dietro la maggior parte degli abbandoni scolastici.

Mette in moto un percorso lungo il quale i bambini si fanno strada verso lo status di emarginati e sviluppano la delinquenza e altre forme di comportamento antisociale.

Solitudine cronica negli adulti

Negli adulti, la solitudine è uno dei principali fattori scatenanti della depressione e dell’alcolismo.

E sembra sempre più essere la causa di una serie di problemi medici, alcuni dei quali impiegano decenni per manifestarsi.

Studi sulla solitudine

Lo psicologo John Cacioppo dell’Università di Chicago ha seguito gli effetti della solitudine.

Ha eseguito una serie di nuovi studi e ha riferito che la solitudine funziona in modi sorprendenti per compromettere la salute.

Forse la cosa più sorprendente è che in un sondaggio da lui condotto, i medici stessi hanno confidato di fornire cure mediche migliori o più complete ai pazienti che hanno famiglie solidali e non sono socialmente isolati.

Vivere da soli aumenta il rischio di suicidio sia per i giovani che per gli anziani.

Gli individui soli riferiscono livelli più elevati di stress percepito anche se esposti agli stessi fattori di stress delle persone non sole e anche quando si rilassano.

Le interazioni sociali che le persone sole hanno non sono positive come quelle delle altre persone, quindi le relazioni che hanno non le proteggono dallo stress come fanno normalmente le relazioni.

Effetti della solitudine

La solitudine aumenta i livelli di ormoni dello stress circolanti e i livelli di pressione sanguigna.

Indebolisce la regolazione del sistema circolatorio in modo che il muscolo cardiaco lavori di più e i vasi sanguigni siano soggetti a danni a causa della turbolenza del flusso sanguigno.

La solitudine distrugge la qualità e l’efficienza del sonno, quindi esso è meno ristoratore, sia fisicamente che psicologicamente.

Gli individui soli si svegliano di più di notte e trascorrono meno tempo a letto dormendo di quanto non facciano i non soli.

La solitudine, conclude Cacioppo, mette in moto una serie di “processi fisiopatologici che si sviluppano lentamente”.

Il risultato è che le persone sole sperimentano livelli più elevati di usura globale.

Solitudine all’estero:come affrontarla

La solitudine è comune e fa parte dell’esperienza umana, e molti single lottano con essa.

La solitudine diventa più gestibile se affrontata con autocompassione.

Le strategie che implicano la coltivazione di connessioni, la pratica della gratitudine e la ricerca della gioia possono aiutare a mitigare la solitudine.

Ecco sei modi per aiutarti a superare e affrontare la solitudine.

Senti i tuoi sentimenti.

Prima di ogni altra cosa, riconosci la solitudine.

Chiamala con il suo nome. Puoi dirlo ad alta voce, scriverla su un diario, parlarne durante la terapia o confidarti con un amico.

Sebbene l’elusione possa essere attraente, è la risposta meno produttiva e utile.

Più eviti la sensazione, più potere le dai. L’evitamento alimenterà solo la vergogna e causerà più angoscia.

Quindi riconoscila. Siediti con essa.

E se hai bisogno di piangere, prenditi una giornata di salute mentale e cancella i programmi, anche questo va bene. A volte basta lasciarsi “essere” e cavalcare l’onda.

Riconosci la tua umanità condivisa

Con la solitudine spesso arrivano i sentimenti di disconnessione e l’assunzione irrazionale che questa sensazione sia unica per te, il che (come l’evitamento) può anche alimentare la vergogna.

Anche se può sembrare controintuitivo, cerca di riconoscere che la solitudine è un’esperienza umana condivisa e che ci sono altri che stanno vivendo un dolore simile.

Riconoscendo questa umanità condivisa, sarai in grado di affrontare la solitudine con più auto-compassione.

Solitudine all’estero:coltiva la connessione

Rivolgiti ad amici o familiari, persone da cui ti senti visto e amato.

Invita una di essi a passare del tempo insieme.

Oppure avventurati nel mondo: vai in un parco, in un bar o fai una passeggiata nel tuo quartiere.

Sorridi agli altri, inizia una conversazione.

A volte solo stare fisicamente con altre persone può aiutare a mitigare quei sentimenti di solitudine e favorire la connessione umana.

Solitudine all’estero: fai qualcosa che ti dia gioia

Può essere la cosa più semplice. Che si tratti di attività fisica, ascoltare la tua musica preferita, provare una nuova ricetta, guardare la tua serie preferita o leggere un buon libro, sii intenzionale con il tuo tempo e fai cose che ti fanno sentire bene.

Sembra abbastanza semplice, ma a volte dimentichiamo di nutrirci e di fare cose che rafforzano la nostra autostima.

Solitudine all’estero:crea o cerca una comunità

Può trattarsi di qualsiasi cosa, dal collegamento con una comunità spirituale all’adesione a una palestra di fitness di gruppo o a una lega ricreativa, al lavoro di volontariato o al collegamento con gruppi e comunità online basati su interessi, hobby o valori condivisi.

La comunità è importante perché ci fornisce un senso di scopo e realizzazione facendo parte di qualcosa che è più grande di noi stessi.

Fare domande

Il modo più rapido per conoscere nuove persone è fare domande, dimostrarsi interessati a loro, essere dei buoni ascoltatori. Capirai se la persona che hai conosciuto ha degli nteressi in comune con te. In tal modo potresti decidere di approfondire l’amicizia.

Non essere troppo esigenti

Mi aspettarsi troppo da una persona conosciuta da poco. Datele il tempo di farsi conoscere ed apprezzare, prima di dare giudizi affrettati.

Gli studiosi affermano che occorre trascorrere almeno 90 ore insieme per poter considerare la persona conosciuta un amico.

Solitudine all’estero:pratica la gratitudine

La gratitudine è incredibilmente utile per contrastare i sentimenti di solitudine.

Mentre la solitudine può sembrare completamente opprimente, la gratitudine può radicarti e aiutarti a connetterti con alcune delle cose “buone” che hai nella tua vita.

Ricorda a te stesso le relazioni positive e di supporto e le persone che hai già nella tua vita (anche se l’amicizia o la relazione sono a distanza).

Cerca di notare e apprezzare quei piccoli ma significativi momenti che ti portano gioia e ti fanno sentire connesso agli altri (uno scherzo fatto tra te e un amico, un compagno di guida che ti fa entrare nella loro corsia durante l’ora di punta, uno scambio piacevole con il barista nella tua caffetteria).

Solitudine all’estero, conclusioni

Siamo fatti per il contatto sociale. Ci sono conseguenze serie, pericolose per la vita, quando non ne abbiamo abbastanza.

Le abilità sociali sono fondamentali per la tua salute.

E tu hai mai sofferto di solitudine all’estero? Come l’hai affrontata?

Fonti :

https://www.psychologytoday.com/us/articles/200307/the-dangers-loneliness

https://www.psychologytoday.com/us/blog/modern-dating/202107/6-ways-cope-loneliness

Archivi

Ottobre: 2021
LMMGVSD
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stress da trasloco,come superarlo

Stress da trasloco: il trasloco all'estero influisce sul benessere personale degli individui; può influenzare le relazioni con la famiglia e gli amici in molti modi. Lo stress da traslochi multipli può arrivare ad influenzare in modo negativo lo stato di salute...

Farsi nuovi amici all’estero e mantenerli

Se è difficile farsi nuovi amici all’estero, è altrettanto importante sapere come fare a mantenere le amicizie nel tempo.  Sostenere le amicizie richiede una serie di abilità. E’ anche vero che ci sono momenti in cui dovresti considerare di porre fine ad alcune...

Tornare a vivere in Italia

Tornare a vivere in Italia: perchè é così difficile riadattarsi? La maggior parte degli espatriati sa che per adattarsi a vivere all'estero occorre un po' di tempo e si prepara di conseguenza. Tuttavia la maggior parte di essi non è a conoscenza dell’esistenza dello...

Trasferirsi all’estero, vincere la timidezza

Trasferirsi all’estero: la timidezza può essere un serio ostacolo al processo di adattamento nel nuovo paese. Interagire con altre persone mette a disagio la maggior parte, se non tutti noi. Anche le persone più socievoli e sicure di sé rimangono consapevoli e...

Vivere lontano dalla propria terra

Anche quando il trasferimento all’estero è voluto e programmato, non sempre si è pronti a vivere lontano dalla propria terra. Andare a vivere all’estero è una scelta abbastanza impegnativa; una nuova lingua, un nuovo stile di vita, la ricerca del lavoro e di una nuova...

Paura di vivere all’estero: come affrontarla

La paura di vivere all’estero è più frequente di quanto tu possa immaginare. Quali sono le principali paure che impediscono di vivere all’estero e come superarle? Paura di vivere all’estero: la barriera linguistica Una delle sfide più difficili a cui ci sottoponiamo...

Espatriare o restare in Italia

Espatriare o restare in Italia? Come decidere senza farsi influenzare dai bias cognitivi. Quando una persona comincia a pensare se espatriare o meno, inizia con il chiedersi se stia facendo la scelta giusta. Il percorso che porta a decisioni così importanti per la...

Paura di volare,come vincerla

Paura di volare: non è necessario viaggiare solo su strada se temi gli aeroplani. Per alcuni una vacanza imminente o anche un viaggio d'affari non è una prospettiva felice. Significa un volo in aereo e alcune persone tremano interiormente al solo pensiero di salirci...

Ansia da vaccino,come nasce

Ansia da vaccino: la posizione no-vax o l’esitazione a vaccinarsi sono altamente problematici quando si tenta di ottenere l'immunità di gregge contro il Coronavirus. E’ pertanto importante comprendere i modi in cui potremmo sovrastimare i rischi quando si prende in...

Contagio emotivo ai tempi del coronavirus

Contagio emotivo: cos’è e come evitarlo L’altra pandemia Oltre alla pandemia in corso da Coronavirus c'è un'altra pandemia che stiamo affrontando contemporaneamente, e che è altrettanto contagiosa: la rapida diffusione di ansia e paura. Tale diffusione avviene a...

Come posso aiutarti?