Dott.ssa Marina Arrivas

Psicologa per italiani all’estero

Ansia da vaccino,come nasce

da | Giu 8, 2021 | benessere e salute

Ansia da vaccino: la posizione no-vax o l’esitazione a vaccinarsi sono altamente problematici quando si tenta di ottenere l’immunità di gregge contro il Coronavirus.

E’ pertanto importante comprendere i modi in cui potremmo sovrastimare i rischi quando si prende in considerazione l’idea di vaccinarsi.

Una serie di principi di psicologia cognitiva potrebbero aiutarci a comprendere perché si tende a sovrastimare i rischi del vaccino.

Preoccupazioni sulle vaccinazioni

Le persone hanno una serie di preoccupazioni sulle vaccinazioni e questa esitazione è particolarmente diffusa con il lancio delle vaccinazioni COVID-19 e l’intensa attenzione dei media rivolta a una serie di effetti avversi che possono essere associati ad alcuni tipi di vaccini.

Il movimento no-vax ha un grande slancio in varie parti del mondo, alimentato in gran parte dalle preoccupazioni per gli effetti avversi e dal legame inventato tra vaccini e autismo suggerito da Andrew Wakefield.

Wakefield ha fatto questo collegamento in un documento del 1998 che è stato da allora completamente ridimensionato.

Tuttavia, questo rapporto sembra aver preso piede nell’immaginario pubblico.

Sebbene sia facile respingere il sentimento anti-vaccinazione, lo facciamo a rischio per noi stessi, poiché richiediamo che la maggior parte delle persone venga vaccinata per ottenere l’immunità di gregge contro la maggior parte delle malattie trasmissibili, incluso COVID-19.

Quando si prendono in considerazione le vaccinazioni, la maggior parte delle persone esprime alcune preoccupazioni sul rischio di effetti avversi.

La psicologia cognitiva ha una serie di eccellenti apprendimenti e strumenti che potrebbero aiutarci, mentre proviamo a dare un senso alla scienza e prendiamo decisioni sui veri rischi inerenti al fatto di essere vaccinati.

Questo articolo si concentra specificamente sul pensiero corrente sulle vaccinazioni COVID-19, ma i principi sono applicabili anche a una serie di altre vaccinazioni.

Ansia da vaccino: capire i tassi di base

I tassi di base sono semplicemente la prevalenza di una certa caratteristica nella popolazione.

È fondamentale comprendere i tassi di base quando si stima il rischio, perché a prima vista possiamo vedere che quattro casi di coaguli di sangue sono stati collegati alla vaccinazione COVID-19 e ciò può scatenare l’ansia.

Tuttavia, la conoscenza dei tassi di base significa che guardiamo l’intera popolazione e ci rendiamo conto che il tasso di base dei problemi di coagulazione dopo la vaccinazione con AstraZeneca COVID-19 è di 4 su un milione.

Questa è un tasso base molto, molto basso.

A titolo di confronto, mentre il rischio di sviluppare un coagulo sanguigno dopo il vaccino è attualmente stimato a circa 4 su un milione, i coaguli di sangue causati dalla pillola contraccettiva colpiscono 1 donna su 1000 (cioè, circa 100 volte superiore per la pillola).

Allo stesso modo, le persone hanno 5000 volte più probabilità di avere difficoltà con i coaguli di sangue durante la gravidanza che dopo la vaccinazione.

È anche importante ricordare che c’è un tasso base annuale di occorrenza di coaguli di sangue non correlati al vaccino nella popolazione generale, quindi alcuni dei casi di coagulazione discussi probabilmente non sono affatto collegati alla vaccinazione.

I rischi di sviluppare un coagulo di sangue dopo la vaccinazione sono molto, molto bassi.

Altre cose che hanno probabilità maggiori di causare coaguli di sangue?

Fumo. COVID-19. Volare.

Capire possibilità vs probabilità.

Presi dall’ansia da vaccino dimentichiamo che sebbene sia possibile, è molto improbabile che si formi un coagulo di sangue dopo la vaccinazione COVID-19.

Qualche altra cosa che è più probabile che si verifichi rispetto al formarsi di un coagulo di sangue dopo la vaccinazione?

Vincere alla lotteria, dare alla luce tre gemelli, morire dopo essere stato punto da un’ape, morire in un incidente d’auto o essere stato colpito da un fulmine.

Di certo non ho intenzione di lasciare il mio lavoro quotidiano e aspettare di vincere alla lotteria.

Perché dovrei fare una scommessa simile sulla mia salute?

Dare un senso al bias di disponibilità.

Gli esseri umani tendono a sovrastimare il rischio in base al bias di disponibilità e ai rischi di sconto inerenti alle normali attività quotidiane.

Il bias di disponibilità si riferisce alla nostra tendenza a pensare che gli esempi di cose che vengono subito in mente siano più comuni di quanto non sia in realtà.

Un esempio?

Leggendo molte storie sui coaguli di sangue dopo i vaccini e decidendo che questo deve significare che questi effetti avversi sono comuni.

Tendiamo a scartare o accettare i rischi delle attività quotidiane come il fumo e concentriamo l’attenzione sui rischi della vaccinazione.

Una parte di ciò potrebbe essere dovuta al pregiudizio della disponibilità poiché ci affidiamo a esempi immediati che vengono in mente quando si prende una decisione.

In questo caso, queste sono probabilmente le storie delle poche persone che hanno sviluppato coaguli di sangue dopo aver ricevuto una delle vaccinazioni.

È probabile che ricorderemo queste persone quando prendiamo le nostre decisioni e probabilmente scarteremo i milioni di persone che hanno avuto la vaccinazione senza effetti negativi, semplicemente perché “la persona ha ricevuto la vaccinazione ed è andata a lavorare senza effetti negativi” non fa notizia.

Ansia da vaccino:darsi false scelte forzate

Spesso scartiamo la terza possibilità (cioè il rischio di non essere vaccinati e ammalarsi di COVID-19).

Questo è stato per molte persone il punto cruciale per decidere se vaccinarsi o meno.

Non se si fosse formato un coagulo di sangue (le persone hanno accettato che questo fosse impossibile da prevedere, ma era estremamente improbabile), ma se i rischi della vaccinazione superassero il rischio di contrarre COVID-19.

Il pregiudizio dell’avversione alla perdita

Gli esseri umani hanno un forte pregiudizio di avversione alla perdita.

Tendiamo a concentrarci sull’evitare le perdite che potremmo subire (cioè, ammalarci dopo una vaccinazione) e scartare i possibili guadagni da una strategia (cioè, proteggerci con la vaccinazione).

Rispetto alle vaccinazioni, la possibilità di sviluppare un coagulo di sangue è circa 10 volte maggiore se dovessimo contrarre il COVID-19.

Spesso pensiamo ci siano solo due possibilità di scelta, ad esempio, vaccinarci e avere un coagulo di sangue o non vaccinarci e stare al sicuro.

In realtà le vere opzioni sono:

Vaccinarsi e non avere reazioni avverse (molto probabile).

Vaccinarsi ed avere una reazione avversa (molto improbabile).

Puoi non vaccinarti e stare al stare al sicuro (ciò potrebbe richiedere svariati periodi di look down a livello di comunità).

Non vaccinarsi e contrarre COVID-19 (la probabilità che ciò accada dipende dalla tua posizione geografica).

Non vaccinarsi, contrarre COVID-19 e sviluppare coaguli di sangue.

Ignorare che tutte le procedure mediche comportano dei rischi

Siamo abituati a una serie di procedure mediche e farmaci noti e di base e sottovalutiamo o scartiamo il loro rischio.

La vaccinazione COVID-19 è nuova e, come esseri umani, siamo pronti a cercare il pericolo nell’ignoto e a sopravvalutare il pericolo.

La vita ha un rischio intrinseco, non si può evitare ogni rischio.

Ansia da vaccino:sottovalutare la nostra capacità di far fronte al rischio

L’ansia da vaccino si trova alla confluenza tra la sopravvalutazione del rischio e la sottovalutazione della nostra capacità di far fronte.

È probabile che anche se si verificasse una reazione avversa, correlata o meno alla coagulazione, riceveremmo un’adeguata assistenza medica e ce la faremmo.

Hai vissuto anche tu l’ansia da vaccino? Come sei riuscito a superarla?

Fonte

https://www.psychologytoday.com/us/blog/prisons-and-pathos/202105/anxious-about-vaccines-cognitive-psychology-can-help

Archivi

Ottobre: 2021
LMMGVSD
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stress da trasloco,come superarlo

Stress da trasloco: il trasloco all'estero influisce sul benessere personale degli individui; può influenzare le relazioni con la famiglia e gli amici in molti modi. Lo stress da traslochi multipli può arrivare ad influenzare in modo negativo lo stato di salute...

Farsi nuovi amici all’estero e mantenerli

Se è difficile farsi nuovi amici all’estero, è altrettanto importante sapere come fare a mantenere le amicizie nel tempo.  Sostenere le amicizie richiede una serie di abilità. E’ anche vero che ci sono momenti in cui dovresti considerare di porre fine ad alcune...

Tornare a vivere in Italia

Tornare a vivere in Italia: perchè é così difficile riadattarsi? La maggior parte degli espatriati sa che per adattarsi a vivere all'estero occorre un po' di tempo e si prepara di conseguenza. Tuttavia la maggior parte di essi non è a conoscenza dell’esistenza dello...

Solitudine all’estero

Solitudine all’estero: l’amicizia è molto simile al cibo. Ne abbiamo bisogno per sopravvivere. Gli esseri umani hanno un bisogno fondamentale di inclusione nella vita di gruppo e di relazioni strette. Quando si decide di trasferirsi all’estero, si perde la rete di...

Trasferirsi all’estero, vincere la timidezza

Trasferirsi all’estero: la timidezza può essere un serio ostacolo al processo di adattamento nel nuovo paese. Interagire con altre persone mette a disagio la maggior parte, se non tutti noi. Anche le persone più socievoli e sicure di sé rimangono consapevoli e...

Vivere lontano dalla propria terra

Anche quando il trasferimento all’estero è voluto e programmato, non sempre si è pronti a vivere lontano dalla propria terra. Andare a vivere all’estero è una scelta abbastanza impegnativa; una nuova lingua, un nuovo stile di vita, la ricerca del lavoro e di una nuova...

Paura di vivere all’estero: come affrontarla

La paura di vivere all’estero è più frequente di quanto tu possa immaginare. Quali sono le principali paure che impediscono di vivere all’estero e come superarle? Paura di vivere all’estero: la barriera linguistica Una delle sfide più difficili a cui ci sottoponiamo...

Espatriare o restare in Italia

Espatriare o restare in Italia? Come decidere senza farsi influenzare dai bias cognitivi. Quando una persona comincia a pensare se espatriare o meno, inizia con il chiedersi se stia facendo la scelta giusta. Il percorso che porta a decisioni così importanti per la...

Paura di volare,come vincerla

Paura di volare: non è necessario viaggiare solo su strada se temi gli aeroplani. Per alcuni una vacanza imminente o anche un viaggio d'affari non è una prospettiva felice. Significa un volo in aereo e alcune persone tremano interiormente al solo pensiero di salirci...

Contagio emotivo ai tempi del coronavirus

Contagio emotivo: cos’è e come evitarlo L’altra pandemia Oltre alla pandemia in corso da Coronavirus c'è un'altra pandemia che stiamo affrontando contemporaneamente, e che è altrettanto contagiosa: la rapida diffusione di ansia e paura. Tale diffusione avviene a...

Come posso aiutarti?