benessere

In che modo la musica influisce su ciò che mangi?

Ciò che ascolti può determinare ciò che mangi.

Scherziamo quando affermiamo che i nostri occhi sono più grandi del nostro stomaco. Sembrerebbero esserlo anche le nostre orecchie. La ricerca suggerisce che potremmo ordinare più “junk food” in base alla musica che ascoltiamo.

Atmosfera audio

Una serie di studi di Dipayan Biswas et al. (2019) hanno scoperto che le scelte dei pasti potrebbero essere legate al tipo di musica che si sta ascoltando. Hanno iniziato rilevando la crescente importanza delle “atmosfere del retail” nel creare un’esperienza piacevole del cliente in termini di elementi atmosferici come il rumore di fondo e musica ambientale.

Lo riconoscono come un elemento importante delle vendite, data la concorrenza che i rivenditori al dettaglio devono affrontare con i rivenditori online.

Ma l’atmosfera influisce sulla scelta del cliente? Secondo la ricerca, la risposta è sì.  Biswas et al. sottolinea che le loro scoperte si aggiungono alla letteratura esistente che documenta ciò che molti di noi sanno istintivamente, che il cibo è spesso innescato da segnali inconsci.

Riferiscono che tali segnali comprendono affermazioni sui prodotti, informazioni nutrizionali e come vengono presentate le informazioni.

Altre ricerche si sono concentrate sull’ambiente da pranzo, mostrando un legame tra consumo e profumo, illuminazione ambientale, arredamento del ristorante e persino fattori come il colore della cartella del menù e le dimensioni di un piatto.

Un fattore che è anche importante, e praticamente onnipresente in una forma o nell’altra nei luoghi pubblici, è la musica.

Il  legame tra volume, stress e alimentazione

Biswas et al. hanno studiato l’effetto del volume della musica ambientale e del rumore di fondo sulla selezione dei cibi.

Hanno scoperto che il basso volume / rumore ha portato a scelte alimentari sane, mentre la musica / il rumore forti hanno indotto scelte alimentari non salutari a causa del maggiore livello di eccitazione causato dalla musica.

Hanno scoperto che l’impatto del volume della musica sulle scelte alimentari sane e malsane ha funzionato non solo in ambienti in cui i commensali sceglievano un singolo articolo, come ordinare un sandwich, ma anche quando acquistavano all’ingrosso – come la selezione di un paniere di articoli in un negozio di alimentari .

Come funziona? Una variabile mediatrice sembra essere stress.

Notando che la ricerca ha stabilito che la musica ad alto volume crea stress, eccitazione e eccitazione, e la musica a basso volume promuove il rilassamento, Biswas et al. esaminato come i diversi stati emotivi influenzano le scelte alimentari.

Hanno rilevato che un aumento dei livelli di stress e di eccitazione induce le persone a scegliere cibi ricchi di grassi ed energia e promuove scelte di snack non salutari.

In generale, se qualcuno è arrabbiato o eccitato probabilmente preferisce cibo malsano a causa della rottura dell’autocontrollo e della moderazione interna.

La maggior parte delle persone riferisce il frequente consumo di “junk food”, come una  forma di automedicazione. Biswas et al. hanno spiegato che lo stress o l’eccitazione possono indurre le persone a fare scelte alimentari insalubri perché cibi grassi e dolci possono ridurre i livelli di eccitazione e stress.

La ricerca condotta su persone e animali suggerisce che tali alimenti possono alleviare i livelli di stress fisiologico.

Notano anche che altre ricerche suggeriscono che gli individui stressati possono tentare di contrastare i sentimenti negativi focalizzando la loro attenzione sugli alimenti legati a sentimenti positivi.

Qualunque sia il percorso, la forte musica indotta dallo stress sembra favorire un’alimentazione non salutare.

Se il ristorante aumenta il volume, metti giù la forchetta

Riconoscere il legame tra musica ad alto volume e eccessiva indulgenza nel consumare “junk food” sottolinea la necessità di esercitare l’autocontrollo.

E a quanto pare, i ristoranti stanno diventando più rumorosi. Biswas et al. citano un esempio di un reporter del New York Times che misurava i livelli sonori in una varietà di negozi e ristoranti, scoprendo che oltre il 33%  dei locali di New York City  aveva livelli sonori così alti da far scattare leggi che imponevano ai dipendenti di indossare protezioni per le orecchie durante le ore di lavoro.

Hanno notato tendenze simili nelle palestre di fitness americane, notando che il volume della musica è diventato più forte con il passare degli anni. (È interessante notare tuttavia che l’Europa sta vivendo la tendenza opposta, con una tendenza- per gli esercizi di vendita al dettaglio- a ridurre i livelli sonori.)

I consumatori moderni possono divenire consapevoli che nella decisione  di recarsi a mangiare in un ristorante e in ciò che si ordina , l’ambiente conta. Riconoscere le forze spesso inconsce che determinano ciò che “scegliamo” di ordinare è il primo passo per compiere scelte alimentari più sane.

Qui la fonte originale :   https://www.psychologytoday.com/us/blog/why-bad-looks-good/201908/eat-the-beat-how-music-impacts-what-you-order

Please follow and like us:
error0
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *