Respirazione diaframmatica: una tecnica di rilassamento infallibile

da | Gen 13, 2020 | benessere e salute

La respirazione diaframmatica o addominale è la migliore tecnica per rilassarsi. Aiuta a ridurre l’ansia e ad alleviare lo stress. Funziona rapidamente ed è raccomandata dagli psicologi. È molto efficace e può essere utilizzata rapidamente.

Cos’è la respirazione diaframmatica o addominale?

E’ quel tipo di respirazione che coinvolge principalmente il diaframma. Il lavoro maggiore viene fatto dalla parte inferiore dei nostri polmoni, collegata al diaframma e all’addome.

Anche se tutti i muscoli lavorano sempre durante la respirazione, a seconda del momento ci saranno alcuni più coinvolti di altri. In questo modo, il corpo assicura che ci sia sempre la respirazione, anche se superficiale (come nell’ansia).

La respirazione diaframmatica è ciò che fa sì che i polmoni si riempiano di una grande quantità d’aria, raggiungendo la parte inferiore dei polmoni.

Garantisce una migliore ventilazione, un assorbimento ottimale dell’ossigeno e una pulizia più profonda dell’espirazione.

Inoltre, questo tipo di respirazione attiva il sistema nervoso parasimpatico. Ha il compito di emettere una risposta di rilassamento al nostro organismo.

Il diaframma risponde ad un movimento inconscio del respiro, ma possiamo essere in grado di intervenire consapevolmente su di esso.

Per questo motivo, tutte le tecniche di rilassamento di solito influenzano la necessità di respirazione profonda, cioè la respirazione addominale o diaframmatica.

I vantaggi della respirazione addominale

– I polmoni ricevono molto ossigeno.

– Il rilassamento dell’organismo viene attivato direttamente.

– Massaggia gli organi.

– I polmoni vengono aerati e puliti.

– Stimoliamo il cuore e la circolazione.

– Migliora il transito intestinale.

– Con la pratica miglioriamo il nostro modo normale di respirare.

Come si esegue la respirazione diaframmatica?

L’importante è, soprattutto, non forzarla. Siamo noi che reindirizzeremo la respirazione, ma dobbiamo farlo in modo gentile. Non consiste nel riempire eccessivamente i polmoni, come un palloncino (questo vi darà un maggiore senso di sopraffazione). E non dovremmo trattenere il respiro. Ricordate, non è una gara e non dovrebbe andare bene la prima volta.

Questi sono i passi da seguire:

Quando si sta imparando, è molto utile farlo steso sulla schiena, comodamente. Poi puoi farlo in piedi o anche a piedi. Sarete in grado di incorporarlo nella vostra vita normale, in quanto non attira l’attenzione o non viene percepito dagli altri.

Metti la mano destra sul petto e la mano sinistra sotto l’ombelico.

Prima di iniziare, espellere l’aria dai polmoni più volte. L’obiettivo è quello di rimuovere l’aria residua che di solito si accumula, che farà sì che il corpo abbia bisogno di respirare più a fondo.

Inspira attraverso il naso in modo rilassato, dirigendo l’aria verso la parte inferiore dei polmoni, come se volessi sbottonare i pantaloni con l’addome. La mano che dovrebbe muoversi è quella che hai messo in quell’area. Se quello sul torace si muove, la respirazione non è corretta.

Tieni l’aria nei polmoni per un breve periodo di tempo. Più siete rilassati, più l’aria sarà in grado di rimanere all’interno.

Respira attraverso la bocca quando ne senti il bisogno. La mano sull’addome dovrebbe scendere. Notate come esce tutta l’aria.

Rimanete anche per un po’ con i polmoni vuoti, sentendo come vi rilassate. E ricominciare da capo.

Ripetere il ciclo più volte.

E’ utile praticare questo esercizio 2 o 3 volte al giorno. Non appena sarete in grado di svolgere questo tipo di respirazione in modo efficace, potrete utilizzarla in situazioni di stress. Può anche essere usata per aiutarti a dormire o per ossigenarti durante il giorno.

Ricordati, non forzare il respiro. Lascia che fluisca e rilassati. Sei tu che puoi controllarlo.

Qui la fonte originale https://angelrull.com/respiracion-diafragmatica-tecnica-relajacion/

Archivi

Dicembre: 2021
LMMGVSD
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tornare a vivere in Italia

Tornare a vivere in Italia: perché così difficile riadattarsi? La maggior parte degli espatriati sa che per adattarsi a vivere all'estero occorre un po' di tempo e si prepara di conseguenza. Tuttavia la maggior parte di essi non è a conoscenza dell’esistenza dello...

Trasferirsi per amore: 8 cose da sapere

8 cose da sapere prima di trasferirsi per amore Trasferirsi per amore: può capitare talvolta che la scelta dell’estero sia fatta per seguire il partner. Lui ha ricevuto una buona offerta di lavoro che sarebbe un peccato rifiutare. Lasciare la famiglia, il paese e...

Andarsene all’estero,effetti collaterali

Decidere di andarsene all'estero implica fare i conti con i legami che hai instaurato con i luoghi dove sei cresciuto. Negli ultimi vent’anni la psicologia ambientale si è occupata di studiare i legami affettivi (place attachment) che si stabiliscono tra la persona e...

Vivere lontano da casa,uso dei social

Vivere lontano da casa: in che modo lo stile di attaccamento di ognuno di noi influisce sull’ utilizzo dei social quando si vive all’estero? Decidere di partire per un nuovo paese non è facile per molte ragioni e una di queste è proprio il doversi separare da tutti...

Stress da trasloco,come superarlo

Stress da trasloco: il trasloco all'estero influisce sul benessere personale degli individui; può influenzare le relazioni con la famiglia e gli amici in molti modi. Lo stress da traslochi multipli può arrivare ad influenzare in modo negativo lo stato di salute...

Farsi nuovi amici all’estero e mantenerli

Se è difficile farsi nuovi amici all’estero, è altrettanto importante sapere come fare a mantenere le amicizie nel tempo. Sostenere le amicizie richiede una serie di abilità. E’ anche vero che ci sono momenti in cui dovresti considerare di porre fine ad alcune...

Solitudine all’estero

Solitudine all’estero: l’amicizia è molto simile al cibo. Ne abbiamo bisogno per sopravvivere. Gli esseri umani hanno un bisogno fondamentale di inclusione nella vita di gruppo e di relazioni strette. Quando si decide di trasferirsi all’estero, si perde la rete di...

Trasferirsi all’estero, vincere la timidezza

Trasferirsi all’estero: la timidezza può essere un serio ostacolo al processo di adattamento nel nuovo paese. Interagire con altre persone mette a disagio la maggior parte, se non tutti noi. Anche le persone più socievoli e sicure di sé rimangono consapevoli e...

Vivere lontano dalla propria terra

Anche quando il trasferimento all’estero è voluto e programmato, non sempre si è pronti a vivere lontano dalla propria terra. Andare a vivere all’estero è una scelta abbastanza impegnativa; una nuova lingua, un nuovo stile di vita, la ricerca del lavoro e di una nuova...

Paura di vivere all’estero: come affrontarla

La paura di vivere all’estero è più frequente di quanto tu possa immaginare. Quali sono le principali paure che impediscono di vivere all’estero e come superarle? Paura di vivere all’estero: la barriera linguistica Una delle sfide più difficili a cui ci sottoponiamo...

Come posso aiutarti?