Dott.ssa Marina Arrivas

Psicologa per italiani all’estero

Contagio emotivo ai tempi del coronavirus

da | Mag 24, 2021 | espatrio ed emozioni

Contagio emotivo: cos’è e come evitarlo

L’altra pandemia

Oltre alla pandemia in corso da Coronavirus c’è un’altra pandemia che stiamo affrontando contemporaneamente, e che è altrettanto contagiosa: la rapida diffusione di ansia e paura.

Tale diffusione avviene a seguito di un fenomeno chiamato contagio emotivo.

Che si tratti di gioia o rabbia, siamo cablati per catturare e diffondere emozioni.

Ma con un po’di consapevolezza, possiamo vaccinarci contro quelle negative.

Tutti riceviamo e diffondiamo reciprocamente sentimenti: gioia ed eccitazione, sì, ma anche emozioni che danneggiano il nostro benessere.

Viviamo in un’epoca in cui le emozioni negative possono diffondersi a centinaia online.

Siamo in un tempo in cui un familiare infelice smorza gli spiriti di un’intera famiglia.

I comportamenti più contagiosi sono quelli più coinvolgenti dal punto di vista emotivo così come quelli svolti dalle persone che sono più importanti per te.

Contagio emotivo: che cosa é

Il contagio emotivo è il trasferimento di stati d’animo o emozioni da una persona all’altra.

Il contagio emotivo è il modo in cui i gruppi vivono, emotivamente.

È la comunicazione tra le persone che le rende un gruppo dal punto di vista emotivo.

Il contagio emotivo è in gran parte automatico e deriva dalla mimica comportamentale delle espressioni reciproche.

Inizia nei bambini di appena sei settimane che imitano le espressioni facciali, il linguaggio del corpo e il tono della voce del caregiver.

Quindi, attraverso una varietà di processi, la persona inizia a provare effettivamente le emozioni e “contage” (o afferra) i sentimenti degli altri.

Il processo di contagio emotivo diventa rapidamente il collante dell’interazione sociale e si verifica sia consciamente che inconsciamente con emozioni positive e negative per tutta la durata della vita.

Il contagio emotivo può verificarsi tra gruppi di tutte le dimensioni e può essere indotto da una o più persone.

Questo contagio può avere un ruolo in tutte le emozioni tra cui gioia, paura, ansia, felicità, rabbia e solitudine.

Dato che ogni persona può condurre – o condividere i propri stati d’animo con gli altri – significa anche che è facile “contagiare” coloro che ci circondano con i nostri sentimenti.

Contagio emotivo durante la pandemia

In effetti, la maggior parte delle persone non è consapevole di aver colto i sentimenti degli altri, un processo che può essere particolarmente problematico durante questo periodo caratterizzato dalla pandemia di Coronavirus.

Il contagio emotivo può verificarsi con l’uso dei social media, un vicino incline a pensieri catastrofici o un amico che è in preda al panico.

Mentre le emozioni negative possono aiutare a segnalare se c’è un problema, come indurre sentimenti di panico, paura e ansia se ti trovi in ​​un edificio in fiamme, le emozioni possono essere meno utili per una situazione in corso qual è una pandemia.

Occorre assicurarsi che le emozioni siano appropriate per la situazione, poiché anche i nostri stati d’animo e le nostre emozioni influiscono sulla nostra cognizione e comportamento.

Contagio emotivo positivo

All’altra estremità dello spettro del contagio, c’è il pranzo con un amico il cui sorriso cancella la tua mattinata terribile, o, meglio ancora, il contagio positivo di massa: la calda felicità che si diffonde nella stanza dopo un toccante discorso di matrimonio, una scena divertente fatta 10 volte più esilarante dalla folla chiassosa in un cinema, l’esplosione di orgoglio in uno stadio quando trionfa un perdente.

In quei rari momenti, quando ci amplifichiamo reciprocamente le buone emozioni, è bello essere umani.

Contagio emotivo: come aiutare chi ce l’ha

Cosa fare per aiutare un amico ansioso a causa della pandemia riuscendo però contemporaneamente a mantenere la calma?

Gli studiosi del fenomeno ritengono che sia importante essere consapevoli che esiste il contagio emotivo, poiché questo di per sé può rendere le persone in grado di evitarlo meglio.

In secondo luogo, consiglia di essere consapevoli della propria suscettibilità al contagio, poiché esiste uno spettro di contagio: alcuni individui sono più suscettibili di altri.

Occorre riflettere se i sentimenti che si stanno provando sono propri o se derivano da ciò che è stato colto dagli altri.

Prestare attenzione alle emozioni dell’altro può rendermi più contagioso nel cogliere come si sente l’altro.

Ad esempio, probabilmente sarei più contagioso per qualcuno su cui mi concentro molto, come un capo, una figura politica o un amico intimo.

Più le mie emozioni sono vicine alle emozioni da cui sono circondato (ad esempio, se sono nervoso e il mio capo è in preda al panico), più è probabile che coglierò i sentimenti dell’altro.

Al fine di combattere gli effetti negativi del contagio e aumentare la positività, gli studiosi suggeriscono di provare ad aiutare l’altra persona a ridurre la fonte del contagio emotivo se ciò è possibile.

Se non puoi, impara a concentrarti sull’essere calmo e sereno, a rimanere in contatto con i tuoi cari e a continuare a mostrare gentilezza ed empatia verso gli altri, compresi quelli che sono la fonte del contagio emotivo negativo.

Come vincere il contagio emotivo

Soprattutto durante questi periodi di pandemia stressante, è importante continuare a impegnarsi in rituali di cura di sé, dormire bene la notte, mangiare pasti equilibrati e fare esercizio.

Limitare i media e i social media può fare un’enorme differenza.

Viene raccomandata anche la meditazione, la pratica della gratitudine, l’essere ottimisti e aiutare gli altri.

Per le persone che sono già molto ansiose, è ancora più importante essere vigili.

Ad esempio, potrebbe essere utile limitare le proprie fonti di notizie o le interazioni sociali con altri che sono molto stressati o cambiare l’argomento della conversazione in qualcosa di più calmo.

Cerca persone e ambienti che rilassano.

Ciò che ci rende più positivi in ​​generale sono connessioni sociali positive e di alta qualità.

Assicurati di rimanere in contatto con persone che ti fanno sentire bene.

Non contaminare gli altri con il tuo cattivo umore.

Controlla il tuo malumore

Ecco alcuni suggerimenti per proteggere colleghi, vicini e persone care dal tuo malumore.

Allenati

Renditi meno suscettibile ai malumori che puoi facilmente trasmettere agli altri.

Ciò include le basi: dormire a sufficienza, mangiare bene, fare esercizio e coltivare uno scopo.

Metti in pausa

Considera l’idea di mettere il tuo cattivo umore su uno “scaffale della tua mente” quando è il momento di interagire con le persone. (Puoi sempre ritornarci più tardi.)

Chiedere feedback:

Nelle relazioni a lungo termine, mostra autoconsapevolezza chiedendo al tuo partner se imposti troppo spesso un tono cupo.

In tal caso, lavora per regolare la tua tristezza, rabbia e ansia con la terapia, la consapevolezza, la ristrutturazione cognitiva (guardando una situazione da diverse prospettive) o modificando le tue aspettative.

Incrementa il contagio positivo

James Fowler, professore presso l’Università della California, San Diego, che ha studiato a fondo i social network e come si diffondono gli stati d’animo come la felicità, dice di aver iniziato ad ascoltare canzoni pop allegre mentre tornava a casa dal lavoro in modo da poter salutare i suoi due figli in uno stato emozionale positivo.

Programma

Pensa a modi per migliorare in modo proattivo gli stati d’animo dei tuoi cari.

Mettiti in quarantena

Se sei davvero irritabile, considera di nasconderti.

Dice lo psichiatra Neel Burton : “Potresti evitare di andare a quella cena e andare a letto presto.”

Poiché la fine di questa pandemia di coronavirus è ancora sconosciuta, è importante concentrarsi sulla riduzione del rischio di contagio emotivo.

E tu hai mai provato il contagio emotivo?

Come sei riuscito a superarlo?

Se lo desideri puoi lasciare qui sotto un tuo commento.

Fonti

https://www.psychologytoday.com/us/blog/traumatized/202008/the-other-pandemic

https://www.psychologytoday.com/us/articles/201906/protect-yourself-emotional-contagion

Archivi

Ottobre: 2021
LMMGVSD
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stress da trasloco,come superarlo

Stress da trasloco: il trasloco all'estero influisce sul benessere personale degli individui; può influenzare le relazioni con la famiglia e gli amici in molti modi. Lo stress da traslochi multipli può arrivare ad influenzare in modo negativo lo stato di salute...

Farsi nuovi amici all’estero e mantenerli

Se è difficile farsi nuovi amici all’estero, è altrettanto importante sapere come fare a mantenere le amicizie nel tempo.  Sostenere le amicizie richiede una serie di abilità. E’ anche vero che ci sono momenti in cui dovresti considerare di porre fine ad alcune...

Tornare a vivere in Italia

Tornare a vivere in Italia: perchè é così difficile riadattarsi? La maggior parte degli espatriati sa che per adattarsi a vivere all'estero occorre un po' di tempo e si prepara di conseguenza. Tuttavia la maggior parte di essi non è a conoscenza dell’esistenza dello...

Solitudine all’estero

Solitudine all’estero: l’amicizia è molto simile al cibo. Ne abbiamo bisogno per sopravvivere. Gli esseri umani hanno un bisogno fondamentale di inclusione nella vita di gruppo e di relazioni strette. Quando si decide di trasferirsi all’estero, si perde la rete di...

Trasferirsi all’estero, vincere la timidezza

Trasferirsi all’estero: la timidezza può essere un serio ostacolo al processo di adattamento nel nuovo paese. Interagire con altre persone mette a disagio la maggior parte, se non tutti noi. Anche le persone più socievoli e sicure di sé rimangono consapevoli e...

Vivere lontano dalla propria terra

Anche quando il trasferimento all’estero è voluto e programmato, non sempre si è pronti a vivere lontano dalla propria terra. Andare a vivere all’estero è una scelta abbastanza impegnativa; una nuova lingua, un nuovo stile di vita, la ricerca del lavoro e di una nuova...

Paura di vivere all’estero: come affrontarla

La paura di vivere all’estero è più frequente di quanto tu possa immaginare. Quali sono le principali paure che impediscono di vivere all’estero e come superarle? Paura di vivere all’estero: la barriera linguistica Una delle sfide più difficili a cui ci sottoponiamo...

Espatriare o restare in Italia

Espatriare o restare in Italia? Come decidere senza farsi influenzare dai bias cognitivi. Quando una persona comincia a pensare se espatriare o meno, inizia con il chiedersi se stia facendo la scelta giusta. Il percorso che porta a decisioni così importanti per la...

Paura di volare,come vincerla

Paura di volare: non è necessario viaggiare solo su strada se temi gli aeroplani. Per alcuni una vacanza imminente o anche un viaggio d'affari non è una prospettiva felice. Significa un volo in aereo e alcune persone tremano interiormente al solo pensiero di salirci...

Ansia da vaccino,come nasce

Ansia da vaccino: la posizione no-vax o l’esitazione a vaccinarsi sono altamente problematici quando si tenta di ottenere l'immunità di gregge contro il Coronavirus. E’ pertanto importante comprendere i modi in cui potremmo sovrastimare i rischi quando si prende in...

Come posso aiutarti?