Dott.ssa Marina Arrivas

Psicologa per italiani all’estero

Veri amici: come farseli facilmente e rafforzare quelli che hai

da | Ago 24, 2020 | integrazione all'estero

Diamo i veri amici per scontati.

L’amicizia è una buona cosa. Non è certo una notizia da prima pagina, ma in qualche modo tutti dimentichiamo quanto sia importante.

Quando creiamo la nostra famiglia trascuriamo gli amici. Non ci impegniamo a fare nuove amicizie  e a coltivare gli amici che abbiamo.

 In un sondaggio del 1985, alle persone è stato chiesto di elencare i propri amici in risposta alla domanda “Negli ultimi sei mesi, chi sono le persone con cui hai discusso questioni importanti per te?” Il numero più comune di amici elencati era tre; Il 59% degli intervistati ha elencato tre o più amici che corrispondono a questa descrizione.

Lo stesso sondaggio è stato ripetuto nel 2004. Questa volta il numero più comune di amici era zero. E solo il 37% degli intervistati ha elencato tre o più amici.

Nel 1985, solo il 10% indicava di non avere confidenti. Nel 2004, questo numero è salito alle stelle al 25%. Uno su quattro di noi va in giro senza nessuno con cui condividere la propria vita.

Questo è triste e per più motivi di quanto potresti aspettarti.

Abbiamo bisogno di veri amici per mantenerci in salute

 La mancanza di sostegno sociale predice molte delle cause di morte.

Avere pochi veri amici è più pericoloso dell’obesità ed è l’equivalente del rischio per la salute di fumare 15 sigarette al giorno.

Julianne Holt-Lunstad, Ph.D., professore di psicologia alla Brigham Young University, ha condotto una meta-analisi di 148 studi e ha concluso che la mancanza di supporto sociale predice molte cause di morte. Le persone con un solido gruppo di amici hanno il 50% di probabilità in più di sopravvivere in un dato momento rispetto a quelle senza.

Holt-Lunstad ha calcolato che avere pochi legami sociali espone ad un rischio di mortalità equivalente al fumo di quindici sigarette al giorno ed é persino più rischioso dell’obesità o della mancanza di esercizio fisico!

Abbiamo bisogno di veri amici per conoscere noi stessi

Gli amici possono conoscerci veramente, a volte meglio di quanto conosciamo noi stessi.

Nello specifico, gli amici descrivono meglio i nostri tratti comportamentali di quanto riusciamo a fare noi, afferma Simine Vazire, Ph.D., psicologa che gestisce il Personality and Self-Knowledge Lab presso la Washington University di St. Louis. “Gli amici possono valutare meglio di noi se siamo divertenti, dominanti o affascinanti”, dice.

Potrebbero non essere migliori di noi nel sapere cosa stiamo provando e pensando, ma sono superiori nell’indovinare il nostro QI. (Per inciso, spesso accade che ci giudichiamo meno intelligenti di quanto siamo.)

I veri  amici ti rendono più felice di qualsiasi altra cosa nella vita.

Hai tre veri amici al lavoro? Hai il 96% di probabilità in più di essere estremamente soddisfatto della tua vita.

Ogni amico in più significa due giorni in meno di solitudine ogni anno.

Fowler e Christakis hanno scoperto che hai circa il 15% di probabilità in più di essere felice se uno dei tuoi amici è felice (nel complesso, non in un momento particolare).

Anche se un amico del tuo amico è felice, hai il 10% di probabilità in più di essere più contento. “Abbiamo scoperto che ogni amico felice che una persona ha, aumenta la probabilità di quella persona di essere felice di circa il 9%. Ogni amico infelice lo riduce del 7% ”, scrivono.

Poiché queste statistiche implicano che la felicità è più contagiosa dell’infelicità, concludono che “più siamo, meglio è”, nonostante ciò che si dice di solito sulla qualità rispetto alla quantità delle amicizie.

Hanno anche scoperto che un amico in più equivale a due giorni in meno di solitudine ogni anno.

Poiché in media (secondo i nostri dati) le persone si sentono sole per quarantotto giorni all’anno, avere un paio di veri amici in più ti rende circa il 10 per cento meno solo rispetto alle altre persone. È interessante notare che il numero di membri della famiglia non ha alcun effetto.

Avere un amico che vedi quasi tutti i giorni è l’equivalente di felicità di 100.000 dollari extra all’anno.

Partner e figli non bastano

I ricercatori hanno notato una tendenza: sempre più spesso le persone si aspettano che il coniuge o il partner soddisfi tutti i loro bisogni sociali.

Questa è la ricetta per il disastro. Si crea troppa pressione sul coniuge e ci sono molte cose che possiamo ottenere solo dagli amici.

Il vincitore del premio Nobel David Kahneman ha fatto delle ricerche dimostrando che il tempo con i veri amici è più piacevole del tempo con il coniuge o i figli.

Non che ci sia qualcosa di sbagliato in coniugi e figli, ma il tempo con gli amici non comporta le stesse responsabilità e tutti abbiamo bisogno di una pausa.

Oltre a ciò, è stato dimostrato che il tempo trascorso con gli amici in coppia migliora le relazioni a lungo termine.

La cosa più intrigante era il modo in cui le coppie valutavano le proprie relazioni in modo più positivo dopo aver interagito con altre coppie.

I partner sposati cadono in interazioni di routine e spesso non riescono a fare lo sforzo di intrattenersi e compiacere l’altro come facevano quando si stavano corteggiando.

Mostrarsi al meglio davanti ai nuovi amici ti permette di “brillare” e di vedere la tua partner attraverso nuovi occhi mentre “brilla” anche lei.

Il mantenimento di vecchie amicizie reciproche rafforza anche il legame tra partner a lungo termine: avere persone intorno che pensano a voi due come un’unità, che ammirano la vostra relazione e che si aspettano che restiate insieme può sostenervi nei momenti di dubbio o distanza.

 I veri amici non sono per sempre…

Entro sette anni, metà dei tuoi amici intimi non sarà più in giro.

 Uno studio di un sociologo olandese che ha monitorato circa un migliaio di persone di tutte le età ha rilevato che in media ogni sette anni perdiamo la metà dei membri della nostra rete amicale.

Pensare che la metà delle persone attualmente nella tua lista dei “più chiamati” svanirà dalla tua vita in meno di un decennio è davvero triste.

Quindi, se vuoi mantenere gli amici più intimi nella tua vita, ci vorrà un po ‘di impegno da parte tua.

Cosa fare

  • Dedica tempo ai veri amici. Daniel Hruschka ha esaminato gli studi sulle cause del conflitto nell’amicizia e ha scoperto che quelle più comuni si riducono alla quantità di tempo dedicato. Trascorrere del tempo con qualcuno è un indicatore sicuro che lo apprezzi; a nessuno piace sentirsi sottovalutato.
  • Fare le cose insieme. Non è una notizia nuova che gli amici ci rendano felici, ma Meliksah Demir, Ph.D., professore alla Northern Arizona University, ha scoperto che cosa dell’amicizia scalda i nostri cuori. Ha scoperto che la compagnia – semplicemente fare le cose insieme – è la componente dell’amicizia che più ci rende felici. E il motivo per cui gli amici ci rendono felici, ha concluso Demir, è che ci fanno sentire che contiamo.
  • Prossimità e familiarità. La semplice vicinanza – essere vicini, è uno dei motori più potenti dell’amicizia – molto più della personalità. Quindi sii presente per i tuoi amici. La ricerca dimostra che gli amici non hanno personalità simili. Mezzo secolo fa, i ricercatori hanno formulato la “teoria della prossimità” dell’amicizia: facciamo amicizia con persone che vivono geograficamente vicine a noi o che spesso incrociano il nostro cammino perché vanno a scuola, a fare la spesa, in ufficio o al ristorante preferito. La prossimità, prima di tutto, garantisce facili opportunità di incontro. Ma anche la familiarità genera positività. L’ “effetto di semplice esposizione”, è un fenomeno ampiamente documentato: il solo vedere qualcuno più e più volte può farlo diventare tuo amico.
  • Essere paziente. Se a volte non sei disposto ad annoiarti, non puoi avere amici. A volte gli amici si lamentano della loro madre o di qualcosa che non ti interessa. Ma l’amicizia non si basa solo su ciò che possono fare per te, è una cosa più profonda. Non puoi aspettarti di essere sempre intrattenuto o di sentire sempre che tutto è reciproco al cento per cento. Talvolta bisogna essere disposti a invitare qualcuno a cena dieci volte e non vedere mai la sua casa, perché se entri nel ciclo della meschinità, finirai per non avere amici.
  • Sii flessibile. Avere abilità sociali significa adattarsi al proprio ambiente, non ostinarsi ad “essere chi sei”. I bambini che sono star sociali naturali, si presentano con successo agli altri assumendo facce un po ‘diverse per pubblici diversi … Capiscono quando indossare quale faccia, senza mai apparire superficiale o falsi agli altri e senza sentirsi falsi o ipocriti. In breve, i bambini sono sensibili e reattivi ai segnali sociali.
  • Sostieni la visione che la persona ha di se stessa. I veri amici non devono condividere un’identità di sé, ma hanno bisogno di supportare la visione che l’altro ha di se stesso e di approvare vicendevolmente le loro attività. Parte del mantenimento di una stretta amicizia, consiste nel sostenere l’identità di qualcuno poiché inevitabilmente cambia nel tempo. Siate sostenitori dei vostri veri amici.

        Fonte : https://www.bakadesuyo.com/2013/11/how-to-make-friends-easily/

 

 

 

 

 

Archivi

Ottobre: 2021
LMMGVSD
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stress da trasloco,come superarlo

Stress da trasloco: il trasloco all'estero influisce sul benessere personale degli individui; può influenzare le relazioni con la famiglia e gli amici in molti modi. Lo stress da traslochi multipli può arrivare ad influenzare in modo negativo lo stato di salute...

Farsi nuovi amici all’estero e mantenerli

Se è difficile farsi nuovi amici all’estero, è altrettanto importante sapere come fare a mantenere le amicizie nel tempo.  Sostenere le amicizie richiede una serie di abilità. E’ anche vero che ci sono momenti in cui dovresti considerare di porre fine ad alcune...

Tornare a vivere in Italia

Tornare a vivere in Italia: perchè é così difficile riadattarsi? La maggior parte degli espatriati sa che per adattarsi a vivere all'estero occorre un po' di tempo e si prepara di conseguenza. Tuttavia la maggior parte di essi non è a conoscenza dell’esistenza dello...

Solitudine all’estero

Solitudine all’estero: l’amicizia è molto simile al cibo. Ne abbiamo bisogno per sopravvivere. Gli esseri umani hanno un bisogno fondamentale di inclusione nella vita di gruppo e di relazioni strette. Quando si decide di trasferirsi all’estero, si perde la rete di...

Trasferirsi all’estero, vincere la timidezza

Trasferirsi all’estero: la timidezza può essere un serio ostacolo al processo di adattamento nel nuovo paese. Interagire con altre persone mette a disagio la maggior parte, se non tutti noi. Anche le persone più socievoli e sicure di sé rimangono consapevoli e...

Vivere lontano dalla propria terra

Anche quando il trasferimento all’estero è voluto e programmato, non sempre si è pronti a vivere lontano dalla propria terra. Andare a vivere all’estero è una scelta abbastanza impegnativa; una nuova lingua, un nuovo stile di vita, la ricerca del lavoro e di una nuova...

Paura di vivere all’estero: come affrontarla

La paura di vivere all’estero è più frequente di quanto tu possa immaginare. Quali sono le principali paure che impediscono di vivere all’estero e come superarle? Paura di vivere all’estero: la barriera linguistica Una delle sfide più difficili a cui ci sottoponiamo...

Espatriare o restare in Italia

Espatriare o restare in Italia? Come decidere senza farsi influenzare dai bias cognitivi. Quando una persona comincia a pensare se espatriare o meno, inizia con il chiedersi se stia facendo la scelta giusta. Il percorso che porta a decisioni così importanti per la...

Paura di volare,come vincerla

Paura di volare: non è necessario viaggiare solo su strada se temi gli aeroplani. Per alcuni una vacanza imminente o anche un viaggio d'affari non è una prospettiva felice. Significa un volo in aereo e alcune persone tremano interiormente al solo pensiero di salirci...

Ansia da vaccino,come nasce

Ansia da vaccino: la posizione no-vax o l’esitazione a vaccinarsi sono altamente problematici quando si tenta di ottenere l'immunità di gregge contro il Coronavirus. E’ pertanto importante comprendere i modi in cui potremmo sovrastimare i rischi quando si prende in...

Come posso aiutarti?