Dott.ssa Marina Arrivas

Psicologa per italiani all’estero

Espatriare o restare in Italia

da | Lug 6, 2021 | integrazione all'estero

Espatriare o restare in Italia? Come decidere senza farsi influenzare dai bias cognitivi.

Quando una persona comincia a pensare se espatriare o meno, inizia con il chiedersi se stia facendo la scelta giusta.

Il percorso che porta a decisioni così importanti per la propria vita futura è lungo e complesso.

Mediamente ci vogliono tra i sei e i diciotto mesi, prima di arrivare a prendere una decisione così importante.

In questo periodo tanti aspetti non sono ancora conosciuti o chiari, ci sono dubbi ed incertezze che si alternano.

Si parla con tante persone, si cercano notizie.

Si attraversa un periodo di confusione ed indecisione.

In questa fase si è vulnerabili e può capitare di prendere decisioni in modo impulsivo, compiendo gravi errori.

I bias cognitivi sono una possibile fonte di errore.

Se li conosci impari ad evitare che possano condizionare in maniera negativa la tua scelta di espatriare o restare in Italia.

Che cos’è un bias cognitivo

Nel corso della vita l’individuo utilizza le proprie facoltà cognitive per decidere cosa fare o per valutare la situazione che ha di fronte.

Questo processo è influenzato da diversi fattori tra i quali i cosiddetti bias cognitivi.

Il bias cognitivo è una forma di distorsione della valutazione causata dal pregiudizio.

E’ un insieme di concetti preesistenti non collegati tra loro da nessi logici e validi.

Il bias può influenzare il comportamento umano, le decisioni, le opinioni.

Non è eliminabile ma si può imparare a tenerne conto quando si deve prendere una decisione importante per la propria vita come espatriare o restare in Italia.

Euristica

Un pregiudizio cognitivo si riferisce a un “errore sistematico” nel processo di pensiero.

Tali pregiudizi sono spesso collegati a un’euristica, che è essenzialmente una scorciatoia mentale.

L’euristica consente di fare un’inferenza senza una deliberazione approfondita e / o un giudizio riflessivo.

Sebbene ci siano molte euristiche interessanti , il seguente elenco si occupa esclusivamente di pregiudizi cognitivi.

Ecco i pregiudizi comuni che influenzano il modo in cui prendiamo le decisioni quotidiane.

L’effetto Dunning-Kruger

Gli esperti sono spesso consapevoli di ciò che non sanno e (si spera) impegnano la loro onestà intellettuale e umiltà in tal senso.

Pertanto, più sai meno sarai sicuro di te, non per mancanza di conoscenza, ma per cautela.

D’altra parte, se sai solo un po’di qualcosa, vedi la questione in modo semplicistico, inducendoti a credere che il concetto sia più facile da comprendere di quanto possa essere in realtà.

Espatriare o restare in Italia: il bias di conferma

Siamo tutti favorevoli alle idee che confermano le nostre convinzioni esistenti e ciò che pensiamo di sapere.

Allo stesso modo, quando conduciamo ricerche, soffriamo tutti nel cercare di trovare fonti che giustifichino ciò in cui crediamo sull’argomento.

Questo pregiudizio mette in luce l’importanza, di interpretare la parte dell’avvocato del diavolo.

Cioè, dobbiamo superare il pregiudizio di conferma e considerare entrambi i lati (o, se ce ne sono più di due, tutti i lati) della scelta che vogliamo fare.

Siamo cognitivamente pigri: non ci piace cambiare le nostre strutture di conoscenza (schema) e il modo in cui pensiamo alle cose.

Bias self-service

Hai mai fallito un esame perché il tuo insegnante ti odia?

Congratulazioni, hai fatto tuo il pregiudizio egoista!

Attribuiamo successi e risultati positivi al nostro agire, crogiolandoci nella nostra gloria quando le cose vanno bene.

Quando affrontiamo il fallimento e gli esiti negativi, tendiamo ad attribuire questi eventi ad altre persone o a fattori contestuali al di fuori di noi stessi.

La maledizione della conoscenza e il senno di poi

Una volta che hai (veramente) compreso una nuova informazione, quell’informazione è ora disponibile per te e spesso diventa apparentemente ovvia.

Potrebbe essere facile dimenticare che c’è stato un momento in cui non conoscevi questa informazione e quindi presumi che anche altri, come te, conoscano questa informazione.

E’ spesso un presupposto ingiusto che altri condividano la stessa conoscenza.

Il pregiudizio del senno di poi è simile alla maledizione della conoscenza in quanto una volta che abbiamo informazioni su un evento, sembra ovvio che sarebbe accaduto.

 Avrei dovuto prevederlo!

Ottimismo / pregiudizio pessimistico

Come probabilmente hai intuito dal nome, abbiamo la tendenza a sovrastimare la probabilità di esiti positivi, in particolare se siamo di buon umore.

 A sovrastimare la probabilità di esiti negativi se ci sentiamo giù o abbiamo un atteggiamento pessimista.

In entrambi i casi di ottimismo o pessimismo, sii consapevole che le emozioni possono rendere il pensiero irrazionale.

Ricorda di lasciare l’emozione alla porta!

Espatriare o restare in Italia:l’errore del costo irrecuperabile

Sebbene sia stato etichettato come un errore, vedo il “costo irrecuperabile” tanto in sintonia con i pregiudizi quanto il pensiero errato, dato il modo in cui pensiamo in termini di vittoria, sconfitta e “pareggio”.

Ad esempio, generalmente crediamo che quando mettiamo qualcosa, dovremmo tirarne fuori qualcosa, sia che si tratti di sforzo, tempo o denaro.

A volte perdiamo … e basta – non otteniamo nulla in cambio.

Un costo irrecuperabile si riferisce a qualcosa di perso che non può essere recuperato.

La nostra avversione per la perdita (Kahneman, 2011) ci fa aggrappare irrazionalmente all’idea di “ riconquistare ”, anche se è già stata persa (nota nel gioco d’azzardo come inseguire il piatto – quando facciamo una scommessa e la inseguiamo, magari facendone un’altra per recuperare l’originale [e si spera di più] anche se, razionalmente, dovremmo considerare la scommessa iniziale come perduta).

Bias di negatività

Negativity Bias non è totalmente separato dal Pessimism Bias, ma è sottilmente e in modo importante distinto.

In effetti, funziona secondo una meccanica simile all’errore del costo irrecuperabile in quanto riflette la nostra profonda avversione alla sconfitta.

Ci piace vincere, ma odiamo perdere ancora di più.

Quindi, quando prendiamo una decisione, generalmente pensiamo in termini di risultati, positivi o negativi. Il bias entra in gioco quando valutiamo irrazionalmente il potenziale di un risultato negativo come più importante di quello del risultato positivo.

The Decline Bias (noto anche come Declinism)

Potreste aver sentito la lamentela secondo cui Internet sarà la rovina della diffusione delle informazioni. Socrate disse la stessa cosa riguardo alla parola scritta.

Il declinismo si riferisce a pregiudizi a favore del passato al di là di “come stanno andando le cose”.

E’ la convinzione che induce a vedere il passato più favorevolmente e il futuro negativamente.

Alla gente piace che i loro mondi abbiano un senso, a loro piacciono le cose avvolte in piccoli pacchetti belli e ordinati.

Il nostro mondo è più facile da coinvolgere quando le cose hanno un senso per noi.

Quando le cose cambiano, deve cambiare anche il modo in cui le pensiamo; e poiché siamo cognitivamente pigri (Kahenman, 2011; Simon, 1957), facciamo del nostro meglio per evitare di cambiare i nostri processi mentali.

L’effetto di ritorno di fiamma

L’effetto Backfire si riferisce al rafforzamento di una convinzione anche dopo che è stata sfidata

Esso può funzionare sulla stessa base del declinismo, in quanto non ci piace il cambiamento.

È anche simile a Negativity Bias, in quanto desideriamo evitare di perdere e altri risultati negativi – in questo caso, la propria idea viene messa in discussione o rifiutata (cioè percepita come ritenuta “ sbagliata ”).

Tuttavia, ci sono delle avvertenze sull’effetto di ritorno di fiamma: ad esempio, tendiamo anche ad abbandonare una convinzione se ci sono prove sufficienti contro di essa per quanto riguarda fatti specifici

Espatriare o restare in Italia: l’errore di attribuzione fondamentale

L’errore di attribuzione fondamentale è simile al pregiudizio self-service, in quanto cerchiamo scuse contestuali per i nostri fallimenti, ma generalmente incolpiamo altre persone o le loro caratteristiche per i loro fallimenti.

Può anche derivare dall’euristica della disponibilità in quanto formuliamo giudizi basati solo sulle informazioni che abbiamo a portata di mano.

Facciamo un esempio.

Immagina di guidare dietro un’altra macchina.

L’altro pilota sta sterzando un po ‘e in modo imprevedibile inizia ad accelerare e rallentare.

Decidi di sorpassarlo (per non essere più bloccato dietro un pilota così pericoloso) e mentre guardi oltre, vedi una femmina al volante.

L’Errore di Attribuzione Fondamentale interviene quando si giudica che la loro guida sia scarsa perché sono una donna (anche legandosi a uno stereotipo infondato).

Ma quello che probabilmente non sai è che l’altro guidatore ha tre bambini che urlano e scherzano sul sedile posteriore, mentre lei cerca di portarne uno a calcio, uno a ballare e l’altro a una lezione di piano.

Ha avuto una giornata particolarmente dura e ora è in ritardo con tutti i bambini perché non può lasciare il lavoro all’orario normale.

Se fossimo quell’autista, giudicheremmo noi stessi come se guidassimo male a causa di questi motivi, non per quello che siamo.

In-Group Bias

Come abbiamo visto esaminando il Bias Self-Serving e l’Errore di Attribuzione Fondamentale, abbiamo la tendenza ad essere relativamente gentili quando esprimiamo giudizi su noi stessi.

Semplicemente, In-Group Bias si riferisce all’ingiusto favore di qualcuno del proprio gruppo.

Potresti pensare di essere imparziale, imparziale ed equo, ma tutti soccombiamo a questo pregiudizio, essendoci evoluti in questo modo.

Cioè, da una prospettiva evolutiva, questo pregiudizio può essere considerato un vantaggio: favorire e proteggere coloro che sono simili a te, in particolare per quanto riguarda la parentela e la promozione della propria linea.

L’effetto Forer (noto anche come effetto Barnum)

Come nel caso del declinismo, per comprendere meglio l’effetto Forer (comunemente noto come effetto Barnum), è utile riconoscere che alle persone piace il loro mondo abbia un senso.

Se così non fosse, non avremmo alcuna routine preesistente su cui ripiegare e dovremmo pensare più a lungo per contestualizzare le nuove informazioni.

Con ciò, se ci sono lacune nel nostro modo di pensare le cose, cercheremo di colmare quelle lacune con ciò che intuitivamente pensiamo abbia senso, rafforzando successivamente i nostri schemi esistenti.

Mentre le nostre menti stabiliscono tali connessioni per consolidare la nostra comprensione personale del mondo, è facile vedere come le persone possano tendere a elaborare informazioni vaghe e interpretarle in un modo che le faccia sembrare personali e specifiche per loro.

Data la nostra natura egocentrica (insieme al nostro desiderio di piccoli pacchetti e schemi carini e ordinati), quando elaboriamo informazioni vaghe, ci aggrappiamo a ciò che riteniamo significativo per noi e scartiamo ciò che non lo è.

Semplicemente, elaboriamo meglio le informazioni che pensiamo siano su misura per noi, indipendentemente dall’ambiguità.

In particolare, l’effetto Forer si riferisce alla tendenza delle persone ad accettare descrizioni vaghe e generali della personalità come applicabili in modo univoco a se stesse senza rendersi conto che la stessa descrizione potrebbe essere applicata a quasi tutti gli altri (Forer, 1949).

Ad esempio, quando le persone leggono il loro oroscopo, anche se vaghe, le informazioni generali possono sembrare che stiano consigliando qualcosa di rilevante e specifico per loro.

Espatriare o restare in Italia: conclusioni

I pregiudizi cognitivi trattati in questo post sono solo i più comunemente coinvolti,  rispetto al processo decisionale quotidiano.

Ogni giorno prendiamo migliaia di decisioni, alcune più importanti di altre.

Assicurati che quelle che contano come espatriare o restare in Italia  non siano basate su bias cognitivi, ma piuttosto su un giudizio riflessivo e un pensiero critico!

Fonte

https://www.psychologytoday.com/us/blog/thoughts-thinking/201809/12-common-biases-affect-how-we-make-everyday-decisions

Per approfondire

Cook, J. & Lewandowsky, S. (2011). The debunking handbook. St. Lucia, Australia: University of Queensland. Retrieved from http://www.skepticalscience.com/docs/Debunking_Handbook.pdf

Dwyer, C.P. (2017). Critical thinking: Conceptual perspectives and practical guidelines. Cambridge, UK: Cambridge University Press; with foreword by former APA President, Dr. Diane F. Halpern.

Dwyer, C. P., Hogan, M. J., & Stewart, I. (2014). An integrated critical thinking framework for the 21st century. Thinking Skills & Creativity, 12, 43–52.

Forer, B. R. (1949) “The Fallacy of Personal Validation: A classroom Demonstration of Gullibility,” Journal of Abnormal Psychology, 44, 118-121.

Kahneman, D. (2011). Thinking fast and slow. Penguin: Great Britain.

Kruger, J. &Dunning, D. (1999). Unskilled and unaware of it: How difficulties in recognizing one’s own incompetence lead to inflated self-Assessments. Journal of Personality and Social Psychology, 77, 6, 1121–1134.

Simon, H. A. (1957). Models of man. New York: Wiley.

Tversky, A. & Kahneman, D. (1974). Judgment under uncertainty: Heuristics and biases. Science, 185, 4157, 1124–1131.

West, R. F., Toplak, M. E., & Stanovich, K. E. (2008). Heuristics and biases as measures of critical thinking: Associations with cognitive ability and thinking dispositions. Journal of Educational Psychology, 100, 4, 930–941.

Archivi

Ottobre: 2021
LMMGVSD
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stress da trasloco,come superarlo

Stress da trasloco: il trasloco all'estero influisce sul benessere personale degli individui; può influenzare le relazioni con la famiglia e gli amici in molti modi. Lo stress da traslochi multipli può arrivare ad influenzare in modo negativo lo stato di salute...

Farsi nuovi amici all’estero e mantenerli

Se è difficile farsi nuovi amici all’estero, è altrettanto importante sapere come fare a mantenere le amicizie nel tempo.  Sostenere le amicizie richiede una serie di abilità. E’ anche vero che ci sono momenti in cui dovresti considerare di porre fine ad alcune...

Tornare a vivere in Italia

Tornare a vivere in Italia: perchè é così difficile riadattarsi? La maggior parte degli espatriati sa che per adattarsi a vivere all'estero occorre un po' di tempo e si prepara di conseguenza. Tuttavia la maggior parte di essi non è a conoscenza dell’esistenza dello...

Solitudine all’estero

Solitudine all’estero: l’amicizia è molto simile al cibo. Ne abbiamo bisogno per sopravvivere. Gli esseri umani hanno un bisogno fondamentale di inclusione nella vita di gruppo e di relazioni strette. Quando si decide di trasferirsi all’estero, si perde la rete di...

Trasferirsi all’estero, vincere la timidezza

Trasferirsi all’estero: la timidezza può essere un serio ostacolo al processo di adattamento nel nuovo paese. Interagire con altre persone mette a disagio la maggior parte, se non tutti noi. Anche le persone più socievoli e sicure di sé rimangono consapevoli e...

Vivere lontano dalla propria terra

Anche quando il trasferimento all’estero è voluto e programmato, non sempre si è pronti a vivere lontano dalla propria terra. Andare a vivere all’estero è una scelta abbastanza impegnativa; una nuova lingua, un nuovo stile di vita, la ricerca del lavoro e di una nuova...

Paura di vivere all’estero: come affrontarla

La paura di vivere all’estero è più frequente di quanto tu possa immaginare. Quali sono le principali paure che impediscono di vivere all’estero e come superarle? Paura di vivere all’estero: la barriera linguistica Una delle sfide più difficili a cui ci sottoponiamo...

Paura di volare,come vincerla

Paura di volare: non è necessario viaggiare solo su strada se temi gli aeroplani. Per alcuni una vacanza imminente o anche un viaggio d'affari non è una prospettiva felice. Significa un volo in aereo e alcune persone tremano interiormente al solo pensiero di salirci...

Ansia da vaccino,come nasce

Ansia da vaccino: la posizione no-vax o l’esitazione a vaccinarsi sono altamente problematici quando si tenta di ottenere l'immunità di gregge contro il Coronavirus. E’ pertanto importante comprendere i modi in cui potremmo sovrastimare i rischi quando si prende in...

Contagio emotivo ai tempi del coronavirus

Contagio emotivo: cos’è e come evitarlo L’altra pandemia Oltre alla pandemia in corso da Coronavirus c'è un'altra pandemia che stiamo affrontando contemporaneamente, e che è altrettanto contagiosa: la rapida diffusione di ansia e paura. Tale diffusione avviene a...

Come posso aiutarti?