psicometafore

Il castello degli specchi

C’era una volta un castello medievale abitato dal re, dalla regina e da tutta la corte. Il re voleva abbellire le stanze del castello e decise di comprare degli specchi.
Va così nella città degli specchi e si aggira tra i negozi per trovare quello più adatto. Entra nel primo e trova un vetraio specializzato in cornici. Mentre il re chiede di vedere alcuni specchi il vetraio indica la bellezza, il pregio, la fattezza, la raffinatezza e la preziosità delle sue cornici. Il re capisce che questo non è il vetraio che fa per lui e va in un altro negozio . Nel secondo negozio il re vede dei bellissimi specchi a mosaico,composti da tanti piccoli pezzi messi assieme in modo elegante, che però consentono di vedere un piccolo pezzo per volta e non la figura intera: anche questo non è il negozio che il re cerca. Entra in un terzo negozio per capire subito che in questo si vendono specchi deformanti: non è ciò che cerca.
Ad un certo punto sente qualcuno canticchiare. Si fa guidare da questo canto ed arriva in un laboratorio dove un vetraio sta completando uno specchio. Il re lo osserva lavorare e gli bastano pochi indizi per comprendere la maestria del vetraio accompagnata da una profonda serenità. Il re incuriosito, gli chiede cosa lo rende così sereno. E il vetraio risponde “Ho un lavoro che mi piace e mi da soddisfazione, una moglie amica e compagna fedele e due bambini sani e simpatici. Non c’è niente al mondo che potrei desiderare di più”. Il re allora chiede cosa hanno in particolare i suoi specchi. Il vetraio risponde che i suoi specchi sono molto semplici, essenziali, assolvono la loro funzione naturale. Il re chiede qual’è la funzione naturale di uno specchio.Il vetraio risponde: “E’ quella di rispecchiare”. Il re chiede allora: “Qual’è il segreto racchiuso negli specchi? Qual’è la loro magia?” Il vetraio ci pensa un po’ e poi risponde:”Il segreto degli specchi è nell’occhio di chi guarda”.                    (C.C.Casula)

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *