expat life

Che cos’é lo chock culturale

shock culturale- expat- ansia-depressione-tristezza-adattamento

 

E’ il termine che l’antropologo canadese Kalervo Oberg diede al malessere che può sopraggiungere in  coloro che- per varie ragioni-  si trasferiscono all’estero.

Egli individuò quattro fasi distinte nel decorso di tale disagio: fase della “luna di miele”, periodo di “crisi”, fase di “recupero” e fase di “adattamento”.

Secondo questo studioso lo stato di chock sopraggiunge quando si vien sopraffatti dall’ansia  in seguito Continue reading “Che cos’é lo chock culturale”

Please follow and like us:
error0
expat life

Crescere un bimbo bilingue: istruzioni per l’uso

 

Una delle domande che frequentemente mi pongono i genitori italiani che vivono all’estero è come insegnare ai proprio figli a parlare correttamente due lingue fin dai primi anni di vita.

Il problema si pone in particolare per quei bimbi che non frequentano ancora la Scuola dell’Infanzia  e che quindi  non sono quotidianamente  esposti alla lingua del posto.

In questi casi la metodica  OPOL (one person- one language)  ci viene in aiuto. Continue reading “Crescere un bimbo bilingue: istruzioni per l’uso”

Please follow and like us:
error0
expat life

Expat blues: che cos’é e come superarlo

 

L’expat blues è uno stato d’animo che può caratterizzare l’individuo che si è trasferito-per motivi di lavoro, di studio o altro- in un paese diverso da quello dove è nato e cresciuto. E’ essenzialmente una sensazione di tristezza che caratterizza le attività svolte quotidianamente. Ecco 5 consigli su come superare tale malessere. Continue reading “Expat blues: che cos’é e come superarlo”

Please follow and like us:
error0
expat life

La barriera linguistica

Una delle prime difficoltà incontrate da chi si trasferisce all’estero è costituita dalla barriera linguistica.

Dover affrontare un colloquio per trovare casa, per reperire il lavoro, per adempiere ai tanti atti burocratici necessari nei primissimi tempi del trasferimento, può divenire frustrante e scoraggiare gli expat.

In questa prima fase sarebbe opportuno farsi aiutare da un connazionale che vive da più tempo sul territorio e conosce sia la lingua che le procedure burocratiche da adempiere.

Una sorta di “mediatore culturale” che non solo farà da interprete ma soprattutto aiuterà e supporterà la persona in questa prima,delicata fase del trasferimento.


Comunque l’apprendimento della lingua rimane un passo imprescindibile per una soddisfacente integrazione nel nuovo sistema culturale e territoriale, contribuendo a ridurre il senso di estraneità nei confronti del nuovo paese.
Continue reading “La barriera linguistica”

Please follow and like us:
error0